Image

Ascesso paratonsillare

L'ascesso paratonsillare è una malattia infiammatoria in cui il processo patologico è localizzato nella fibra quasi amigdala. La malattia viene spesso diagnosticata nei bambini, nonché negli adolescenti e nei giovani..

Cause e fattori di rischio

L'ascesso paratonsillare si verifica sullo sfondo del processo infiammatorio nell'orofaringe (è spesso una complicazione della tonsillite, meno spesso si sviluppa sullo sfondo di malattie dentali e di altre malattie).

I fattori di rischio per l'ascesso paratonsillare includono:

Gli agenti infettivi per l'ascesso paratonsillare sono spesso stafilococchi, streptococchi di gruppo A (sono anche possibili ceppi non patogeni e / o condizionatamente patogeni), più raramente emofili ed E. coli, funghi simili a lieviti del genere Candida, ecc..

Forme della malattia

La malattia può essere unilaterale (più comune) o bilaterale..

A seconda della localizzazione del processo patologico, l'ascesso paratonsillare è suddiviso come segue:

  • indietro (l'area tra l'arco palato-faringeo e la ghiandola è interessata, c'è un'alta probabilità che l'infiammazione si sposti nella laringe);
  • anteriore (la forma più comune, il processo infiammatorio è localizzato tra il polo superiore della ghiandola e l'arco palatino-linguale, spesso si apre in modo indipendente);
  • inferiore (localizzato nel polo inferiore della ghiandola);
  • esterno (la forma più rara, il processo infiammatorio è localizzato al di fuori delle tonsille, esiste la probabilità che il pus si rompa nei tessuti molli del collo con il conseguente sviluppo di gravi complicanze).

Molto spesso, un ascesso paratonsillare viene diagnosticato nei bambini, nonché negli adolescenti e nei giovani..

Sintomi dell'ascesso paratonsillare

I sintomi di un ascesso paratonsillare, di regola, compaiono 3-5 giorni dopo una malattia infettiva, principalmente mal di gola.

I pazienti di solito lamentano mal di gola grave, che di solito è localizzato su un lato e può irradiarsi ai denti o all'orecchio. Uno dei segni caratteristici della malattia è il trisma dei muscoli masticatori, vale a dire la limitazione dei movimenti dell'articolazione temporo-mandibolare è una difficoltà o l'incapacità di aprire la bocca. Inoltre, i pazienti possono avvertire la presenza di un oggetto estraneo nella gola, che porta a difficoltà a deglutire, a mangiare. I linfonodi sotto la mascella si allargano, causando dolori ai movimenti della testa. Questi sintomi nei pazienti con ascesso paratonsillare sono accompagnati da debolezza generale, mal di testa, febbre fino a valori febbrili (39-40 ° C). Con la progressione del processo patologico, la respirazione è difficile, si verifica respiro affannoso, alitosi appare, la voce cambia spesso (diventa nasale). Le tonsille del paziente sul lato interessato sono iperemiche, gonfie.

Nel caso di un'autopsia dell'ascesso, si verifica un miglioramento spontaneo della salute generale, i sintomi generali e locali di solito scompaiono entro 5-6 giorni. Tuttavia, la malattia è soggetta a recidiva..

Diagnosi di ascesso paratonsillare

La diagnosi dell'ascesso paratonsillare si basa sui dati ottenuti dalla raccolta di reclami e anamnesi, nonché sulla faringoscopia e sui test di laboratorio. Quando si esaminano la faringe, si osservano iperemia, sporgenza e infiltrazione sulla ghiandola o in altre parti degli archi palatine. L'arco posteriore della tonsilla viene spostato sulla linea mediana, la mobilità del palato molle è generalmente limitata. La faringoscopia (specialmente nei bambini) può essere difficile a causa del trisma dei muscoli masticatori.

La cultura batteriologica dello scarico patologico è determinata con la determinazione della sensibilità dell'agente infettivo agli antibiotici.

Nell'analisi del sangue generale in pazienti con ascesso paratonsillare, leucocitosi (circa 10-15 × 10 9 / L) con uno spostamento della formula dei leucociti a sinistra, un aumento significativo della velocità di eritrosedimentazione.

Al fine di confermare la diagnosi, è possibile applicare ecografia e risonanza magnetica..

Trattamento dell'ascesso paratonsillare

A seconda della gravità del decorso della malattia, il trattamento viene eseguito in regime ambulatoriale o in un ospedale otorinolaringoiatrico.

Nelle fasi iniziali, il trattamento dell'ascesso paratonsillare è generalmente conservativo. Sono prescritti farmaci antibatterici del gruppo cefalosporina o macrolidi.

Con l'avanzamento del processo patologico, i metodi conservativi sono insufficienti. In questo caso, il metodo di trattamento più efficace è l'apertura chirurgica di un ascesso paratonsillare. La chirurgia viene di solito eseguita in anestesia locale (l'anestetico viene applicato mediante lubrificazione o polverizzazione), l'anestesia generale viene utilizzata nei bambini o nei pazienti ansiosi. La chirurgia può essere eseguita utilizzando i seguenti metodi:

  • puntura di un ascesso paratonsillare con rimozione di infiltrato purulento;
  • apertura dell'ascesso con un bisturi, seguito da drenaggio;
  • ascessonsonsectectomia - rimozione dell'apertura di un ascesso paratonsillare mediante rimozione della tonsilla interessata.

All'apertura di un ascesso paratonsillare, viene praticata un'incisione nell'area di maggior rigonfiamento. Se non esiste un tale punto di riferimento, l'incisione viene solitamente eseguita nell'area in cui si nota la frequente apertura spontanea dell'ascesso paratonsillare - all'intersezione della linea che va lungo il bordo inferiore del palato molle dal lato sano attraverso la base della lingua e la linea verticale che sale dall'estremità inferiore dell'arco anteriore il lato interessato. Quindi, la pinza di Hartmann viene inserita attraverso l'incisione per un migliore drenaggio della cavità dell'ascesso..

Con un ascesso paratonsillare di localizzazione esterna, l'apertura può essere difficile, l'apertura spontanea di un tale ascesso di solito non si verifica, quindi, in questo caso, è indicato l'ascesso asconsillectomia. Inoltre, una ricorrenza di un ascesso paratonsillare nell'anamnesi, l'assenza di un miglioramento delle condizioni del paziente dopo l'apertura dell'ascesso e l'escrezione di contenuti purulenti e lo sviluppo di complicanze possono essere indicazioni per un ascessillectomia.

Le recidive dell'ascesso paratonsillare sono osservate in circa il 10-15% dei pazienti, il 90% delle recidive si verificano durante l'anno..

Oltre al trattamento chirurgico dell'ascesso paratonsillare, al paziente vengono prescritti farmaci antibatterici, analgesici, antipiretici e decongestionanti.

Il trattamento principale è integrato da gargarismi con soluzioni antisettiche e decotti di erbe. In alcuni casi, con l'ascesso paratonsillare, la fisioterapia può essere utilizzata, prima di tutto, la terapia UHF.

Dopo la dimissione dall'ospedale, i pazienti con un ascesso paratonsillare sono sottoposti a supervisione clinica.

Possibili complicazioni e conseguenze

Con lo sviluppo dell'ascesso paratonsillare, esiste la probabilità che il pus cada nei tessuti più profondi del collo con il successivo sviluppo di un ascesso faringeo, un'infiammazione purulenta diffusa dei tessuti molli del collo (flemmone dello spazio quasi faringeo, infiammazione del lume medio)), un'infiammazione del lume completo o una significativa riduzione del lume) necrosi dei tessuti vicini, sepsi. Tutte queste condizioni sono pericolose per la vita..

previsione

Con una diagnosi tempestiva e un trattamento adeguato, la prognosi è favorevole. Le ricadute si verificano in circa il 10-15% dei pazienti; il 90% delle ricadute si verificano durante l'anno..

Prevenzione

Al fine di prevenire l'ascesso paratonsillare, si raccomanda:

  • trattamento tempestivo e adeguato delle malattie che possono portare allo sviluppo di ascessi paratonsillari, rifiuto dell'automedicazione;
  • rafforzare l'immunità;
  • rifiuto di cattive abitudini.

Ascesso tonsillare - infiammazione purulenta causata da infezioni non trattate

I processi infiammatori localizzati nella regione della gola si trovano nella stragrande maggioranza delle persone. Il dolore e il mal di gola spesso non causano alcun problema, ma invano. Le infezioni non trattate della laringe diventano focolai di infezione cronica che inibiscono l'attività del sistema immunitario e in alcuni casi si sviluppa una malattia come l'ascesso tonsillare.

Ascesso tonsillare

Un ascesso è chiamato una formazione vuota nella formazione nelle ghiandole e nel palato molle, pieno di pus.

Visivamente, può apparire come un gonfiore nella cavità orale, gonfiore dal collo o essere completamente invisibile.

Secondo la classificazione delle patologie somatiche, la malattia porta un codice speciale J36.

Un ascesso è classificato in almeno due categorie:

La differenza tra questi due tipi è che l'ascesso paratonsillare è simmetrico e colpisce entrambe le tonsille.

Secondo l'immediata localizzazione dell'istruzione, distinguono:

  • sopra - dopo l'esame, è chiaro che le tonsille vengono spinte in avanti dagli spazi;
  • le ghiandole esterne sono chiaramente visibili durante l'ispezione visiva e quasi bloccano la gola;
  • interno: la formazione di pus avviene all'interno dei tessuti delle ghiandole;
  • più in basso - le tonsille si alzano.

Gola raffigurata con ascesso tonsillare

Le cause

Tutti i tipi di malattia provocano angina - infiammazione acuta dei tessuti della laringe. Nella maggior parte dei casi, dopo che le manifestazioni dell'angina sono ridotte, la minima ipotermia porta a una ricaduta della malattia. Un ascesso si forma nei tessuti, ma una persona crede che questo corrisponda al decorso della malattia e non agisca tempestivamente. I più a rischio sono le persone che soffrono di tonsillite purulenta..

Ci sono anche fattori che predispongono allo sviluppo della patologia:

  • diabete;
  • immunodeficienza, incluso l'AIDS o una diminuzione delle difese dell'organismo dopo una precedente infezione o l'assunzione di antibiotici;
  • fumatori;
  • stress frequenti: psico-emotivo e fisico;
  • carie e altre malattie del cavo orale;
  • complicanze dopo tonsillectomia.

Sintomi

Il sintomo più comune dell'ascesso tonsillare è un mal di gola. Ma la complessità della diagnosi è che il disturbo si presenta tradizionalmente sullo sfondo di tonsillite, faringite o tonsillite, può essere difficile riconoscere la malattia in manifestazione.

Pertanto, il quadro clinico è meglio considerato in un complesso di altri sintomi:

Dimostrazione video dell'esame della gola e apertura dell'ascesso tonsillare:

Diagnosi e ricerche necessarie

Un medico ORL è coinvolto nella diagnosi di patologia. In primo luogo, studia la storia del paziente, scopre con che cosa era malato, se ha disturbi cronici, che attualmente è preoccupante. Quindi esamina la laringe del paziente per la presenza di infiammazione dei tessuti e cambiamenti nelle dimensioni delle tonsille, la simmetria degli organi della laringe.

Per una diagnosi più accurata vengono utilizzati:

  • analisi del sangue generale;
  • esame ecografico del collo;
  • tampone di gola per coltura batterica.

Questi studi sono necessari non solo per confermare la diagnosi, ma anche per determinare le tattiche della terapia.

Trattamento

L'obiettivo della terapia è aprire l'ascesso e rimuovere l'infiammazione dai tessuti. Questo può essere fatto in due modi: dalla chirurgia o dal trattamento conservativo. Di norma, indipendentemente dalla scelta del metodo di terapia, al paziente viene offerto un trattamento ospedaliero.

Farmaco

Al fine di ottenere un'autopsia dell'ascesso senza l'intervento di un chirurgo, viene utilizzato il riscaldamento del collo. Allo stesso tempo, vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro o, se esiste un risultato di un tampone alla gola corrispondente alla sensibilità dello spettro rilevata.

È richiesto anche il lavaggio laringeo costante. Come risciacqui possono essere utilizzati:

Inoltre, la laringe può essere irrigata con Miramistin.

Chirurgico

Se il trattamento conservativo è inefficace, viene affrontato il problema del trattamento chirurgico. Se l'ascesso può essere facilmente rimosso, questo viene fatto in anestesia locale. Ma se la formazione purulenta è inaccessibile a un intervento meno traumatico, il medico può raccomandare la rimozione completa delle tonsille.

Lo stesso metodo può essere raccomandato se la resezione dell'ascesso era stata precedentemente eseguita ripetutamente, ma poi seguita da una ricaduta.

Autopsia dell'ascesso tonsillare:

Possibili complicazioni

L'infiammazione nelle ghiandole può diffondersi ad altri tessuti situati nelle vicinanze. Spesso, un ascesso delle tonsille passa ad altri organi dell'apparato respiratorio o ai tessuti molli del collo. Esiste anche il rischio di sepsi.

Prevenzione

Al fine di evitare lo sviluppo di ascessi tonsillari, è necessario rispettare due regole:

Qualsiasi malattia deve essere trattata in modo tempestivo, impedendo la loro transizione allo stadio cronico. Anche la carie può causare infiammazione delle tonsille e quindi un ascesso..

Il mantenimento dell'immunità al giusto livello di attività viene effettuato utilizzando l'indurimento, una corretta alimentazione e il rifiuto delle cattive abitudini..

Qual è il pericolo di un ascesso e come trattarlo, vedi nel nostro video:

previsione

Con un trattamento adeguato e tempestivo, la prognosi è positiva. Il trattamento conservativo dura fino a 3 settimane, la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico richiede un periodo simile. Secondo le statistiche, le ricadute nell'eliminazione dell'ascesso e le cause della malattia si verificano raramente.

Tonsillite purulenta (ascesso paratonsillare): cause, sintomi, trattamento

La tonsillite purulenta (ascesso paratonsillare) è una complicazione della tonsillite acuta. Con un ascesso paratonsillare, si verifica un ascesso purulento nella regione peri-amindiale, a seguito del quale, oltre ai principali sintomi di tonsillite, il paziente ha anche una temperatura elevata (39-40 ° C), intossicazione, linfonodi ingrossati e altri sintomi, che discuteremo di seguito.

fisiopatologia

La tonsillite purulenta, di regola, inizia con l'insorgenza della tonsillite follicolare acuta, progredisce verso la paratonsillite e porta alla formazione di ascesso paratonsillare.

Una teoria alternativa prevede il coinvolgimento delle ghiandole Weber, che sono un gruppo di ghiandole salivari situate direttamente sopra la regione tonsillare nel palato molle. Si ritiene che queste ghiandole svolgano un ruolo insignificante nella pulizia delle tonsille da eventuali "detriti" accumulati lì. La necrosi tissutale e la formazione di pus portano ad un ascesso tra la capsula tonsillare, la parete laterale faringea e lo spazio paratonsillare. Come risultato di cicatrici e ostruzione dei dotti escretori, il pus si accumula nei tessuti e la formazione di un ascesso purulento progredisce..

Epidemiologia

La tonsillite è principalmente una malattia dei bambini. L'ascesso paratonsillare di solito colpisce adolescenti e giovani, ma può verificarsi anche nei bambini piccoli. Questa immagine, tuttavia, potrebbe cambiare. Uno studio israeliano ha dimostrato che un gruppo separato di persone con più di 40 anni affette da ascesso paratonsillare presentava sintomi più gravi e un ciclo di trattamento più lungo. La tonsillite non sempre precede questa condizione e talvolta si verifica nonostante un'adeguata terapia antibatterica preliminare. È stato scoperto che il fumo è un fattore di rischio per lo sviluppo di tonsillite purulenta..

Molto spesso, un ascesso paratonsillare si verifica in novembre-dicembre e aprile-maggio, che coincide con la più alta incidenza di faringite streptococcica e tonsillite essudativa..

Cause di tonsillite purulenta

Molto spesso, un ascesso paratonsillare si verifica a seguito di infezione con i seguenti agenti patogeni:

  • Streptococcus pyogenic (Streptococcus pyogenes)
  • Staphylococcus aureus (Staphylococcus aureus)
  • Haemophilus influenzae (Haemophilus influenzae)
  • Organismi anaerobici: Prevotella, Porfiromonas, Fusobacteria e Peptostreptococci.

L'ascesso paratonsillare può anche essere una complicazione della mononucleosi infettiva..

Sintomi

  • mal di gola grave (può diventare unilaterale)
  • temperatura corporea elevata - 39-40 ° C
  • aumento della salivazione
  • respiro fetido
  • deglutizione dolorosa
  • Trisma (problemi nell'aprire la bocca)
  • la voce cambia a causa del gonfiore della faringe e del trisma
  • mal d'orecchi sul lato interessato
  • torcicollo (torcicollo)
  • mal di testa
  • malessere generale

Diagnostica

In due terzi dei casi, la diagnosi di tonsillite purulenta può essere complicata dal trisma, poiché è difficile per il paziente aprire la bocca. All'esame, il medico verificherà i seguenti segni di possibili ascessi paratonsillari:

  • alitosi
  • aumento della salivazione
  • misurare la temperatura corporea
  • sensibilità e ingrandimento dei linfonodi cervicali ipsilaterali
  • il torcicollo può essere presente
  • la sporgenza unilaterale può essere presente, di solito sopra e al lato di una delle tonsille
  • a volte si può osservare la sporgenza verso il basso
  • potrebbe esserci uno spostamento mediale della tonsilla interessata, così come il suo movimento in avanti
  • le tonsille possono essere eritematose, ingrandite ed essudate
  • a causa della sconfitta, la lingua viene spostata
  • si possono osservare segni di disidratazione
  • può verificarsi ostruzione delle vie aeree (raramente)
  • la rottura improvvisa di un ascesso nella faringe può portare all'aspirazione (raramente)

Un paziente con sospetto ascesso peritonsillare deve essere indirizzato a un otorinolaringoiatra (ENT) lo stesso giorno.

Procedure diagnostiche

  • Esame iniziale del paziente.
  • La tomografia computerizzata (TC) di solito non è necessaria, ma può essere utilizzata in casi atipici, come un ascesso del polo inferiore o se i rischi di apertura e drenaggio dell'ascesso sono elevati, ad esempio in caso di coagulazione del sangue. In casi complessi, la TC può essere necessaria per coordinare le azioni del medico durante il drenaggio dell'ascesso.
  • Uno studio su un caso di ascesso paratonsillare con gonfiore della lingua ha riferito che l'ecografia era utile nella diagnosi.
  • Le prove a sostegno dell'uso dello screening per la mononucleosi infettiva sono discutibili. Uno studio ha rilevato che solo nel 4% dei pazienti con tonsillite purulenta, questa procedura diagnostica è risultata positiva per la mononucleosi infettiva (tutte queste persone di età inferiore ai 30 anni).

Trattamento

La tonsillite purulenta viene trattata in due modi:

  1. Medicinali
  2. Chirurgia

Trattamento della tonsillite purulenta con medicinali

  • Per eliminare la disidratazione, può essere necessaria la somministrazione endovenosa di liquido aggiuntivo con un contagocce.
  • I farmaci per il dolore sono prescritti per alleviare il dolore..
  • Gli antibiotici per via endovenosa sono usati per sopprimere l'infezione..
  • Penicillina, cefalosporine, amoxicillina + acido clavulanico e clindamicina sono gli antibiotici più comunemente usati nel trattamento dell'ascesso paratonsillare. In alcuni casi, il metronidazolo in combinazione con la penicillina può essere utile..
  • In rari casi, le immunoglobuline vengono utilizzate per via endovenosa (ad esempio, in connessione con streptococco piogenico).
  • Gli studi hanno anche dimostrato che l'uso di dosi singole di steroidi per via endovenosa e di antibiotici può essere utile. Possono aiutare a ridurre i sintomi e accelerare il recupero..

Chirurgia per tonsillite purulenta

  • Nel trattamento della tonsillite purulenta, di solito gli antibiotici da soli non sono sufficienti. A causa dell'emergere di ceppi di batteri resistenti agli antibiotici, la chirurgia è l'opzione preferita nella maggior parte dei casi.
  • La puntura, l'incisione e il drenaggio dell'ascesso, nonché la rimozione delle tonsille (tonsillectomia), sono considerate opzioni accettabili per il trattamento chirurgico dell'ascesso paratonsillare acuto.
  • Se l'operazione non ha avuto successo o l'ascesso è un luogo inaccessibile, i medici possono utilizzare gli ultrasuoni per aiutare a dirigere le loro azioni nella giusta direzione.
  • Se il paziente soffre di tonsillite cronica e ricorrente, la tonsillectomia viene solitamente eseguita dopo un po '..
  • Alcuni chirurghi insistono sulla rimozione immediata delle tonsille durante il trattamento dell'ascesso paratonsillare. Come risultato dell'analisi di una serie di casi, non vi sono state differenze significative nella durata del recupero, perdita di sangue, durata dell'intervento o complicanze postoperatorie tra tonsillectomia diretta e tonsillectomia ritardata nel trattamento dell'ascesso paratonsillare pediatrico.

complicazioni

  • Un ascesso può diffondersi nei tessuti più profondi del collo e può portare a fascite necrotica. L'infezione può diffondersi dallo spazio parafaringeo attraverso la cavità anatomica, causando mediastinite, pericardite e versamento pleurico.
  • Ostruzione delle vie respiratorie (rara).
  • Ricaduta dell'ascesso paratonsillare.
  • Sanguinamento dovuto a tonsillectomia.
  • La morte può verificarsi per aspirazione, ostruzione delle vie aeree, erosione di grandi vasi sanguigni o espansione del mediastino.

previsione

  • Il tasso di ricaduta è mal definito, ma è di circa il 9-22%.
  • La ricaduta può verificarsi dopo tonsillectomia (rara).

Prevenzione

  • Come risultato di studi, è stato scoperto che i benefici del trattamento dell'angina con antibiotici sono moderati e che molti pazienti hanno bisogno di cure per prevenire la tonsillite purulenta. Uno studio canadese ha rilevato che il 30% dei pazienti con mal di gola acuto necessita di un trattamento antibiotico.
  • Una riduzione del 50% della prescrizione di antibiotici per i bambini non è accompagnata da un aumento del numero di ricoveri con ascesso paratonsillare.
  • Puoi scoprire l'uso di antibiotici per la tonsillite qui - Antibiotici per la tonsillite. Cosa sono necessari e dovrebbero essere presi.

Questo articolo ti è stato utile? Condividilo con gli altri!

Ascesso paratonsillare

L'ascesso paratonsillare è un'infiammazione purulenta acuta della fibra peri-mandorla. I principali sintomi della malattia sono dolori unilaterali di natura "lacerante", aggravati dalla deglutizione, aumento della salivazione, trisma, alitosi, sindrome da intossicazione. La diagnosi si basa sulla raccolta di informazioni anamnestiche e sui reclami del paziente, sui risultati della faringoscopia, sui metodi di ricerca di laboratorio e strumentali. Il programma terapeutico comprende la terapia antibatterica, il risciacquo della cavità orale con agenti antisettici, lo svuotamento chirurgico dell'ascesso e, se necessario, l'ascessonsonsonsectomia.

Informazione Generale

Il termine "ascesso paratonsillare" è usato per indicare lo stadio finale dell'infiammazione - la formazione di una cavità purulenta. I nomi sinonimi sono "tonsillite flemmone" e "paratonsillite acuta". La malattia è considerata una delle lesioni purulente più gravi della faringe. In oltre l'80% dei casi, la patologia si verifica sullo sfondo della tonsillite cronica. Il più delle volte si riscontra in persone dai 15 ai 35 anni. I rappresentanti maschili e femminili sono malati con la stessa frequenza. Questa patologia è caratterizzata da stagionalità: l'incidenza aumenta nel tardo autunno e all'inizio della primavera. Nel 10-15% la paratonsillite acquisisce un decorso recidivante, nell'85-90% dei pazienti si osservano esacerbazioni più spesso di una volta all'anno.

Cause dell'ascesso paratonsillare

Il motivo principale dello sviluppo è la penetrazione della microflora patogena nei tessuti circostanti le tonsille. L'ascesso paratonsillare viene raramente diagnosticato come una malattia indipendente. I fattori scatenanti sono:

  • Lesioni batteriche della faringe. La maggior parte degli ascessi del tessuto perinomondiale si verificano sotto forma di complicanze della tonsillite acuta o esacerbazione della tonsillite cronica, meno spesso - faringite acuta.
  • Patologia dentale. In alcuni pazienti, la malattia ha un'origine odontogena: la causa è la carie dei molari superiori, la periostite dei processi alveolari, la gengivite cronica, ecc..
  • Lesioni traumatiche. In rari casi, la formazione di un ascesso nei tessuti adiacenti alla tonsilla si verifica dopo l'infezione delle ferite della mucosa di questa area.

Gli agenti patogeni sono solitamente Streptococcus pyogenes, Staphylococcus aureus, un po 'meno spesso Escherichia coli, Haemophilus influenzae, vari pneumococchi e Klebsiella, funghi del genere Candida. I fattori che aumentano il rischio di patologia comprendono l'ipotermia generale e locale, una diminuzione delle difese generali del corpo, anomalie nello sviluppo di tonsille e faringe e fumo.

patogenesi

Nella maggior parte dei casi, un ascesso paratonsillare complica il decorso di una delle forme di tonsillite. La formazione di un ascesso della localizzazione superiore è facilitata dalla presenza di cripte più profonde nella parte superiore della tonsilla e dall'esistenza di ghiandole Weber, che sono attivamente coinvolte nel processo con angina cronica. Le frequenti esacerbazioni della tonsillite portano alla formazione di cicatrici nell'area delle bocche delle cripte e degli archi palatine - si verifica la fusione con la capsula della tonsilla. Di conseguenza, il drenaggio delle masse patologiche viene interrotto, vengono create le condizioni per la riproduzione attiva della microflora e la diffusione del processo infettivo nella fibra. Con l'origine odontogena della malattia, la microflora patogena penetra nel tessuto peri-mandorla insieme al flusso linfatico. In questo caso, i danni alle tonsille potrebbero essere assenti. La paratonsillite traumatica è il risultato di una violazione dell'integrità della mucosa e della penetrazione di agenti infettivi dalla cavità orale direttamente nei tessuti per contatto.

Classificazione

A seconda dei cambiamenti morfologici nella cavità dell'orofaringe, si distinguono tre forme principali di ascesso paratonsillare, che sono anche fasi successive del suo sviluppo:

  • Edematosa. È caratterizzato dal gonfiore dei tessuti peri-amiali senza segni pronunciati di infiammazione. I sintomi clinici sono spesso assenti. In questa fase dello sviluppo, la malattia viene raramente identificata..
  • Infiltrazione. Manifestato da iperemia, febbre locale e dolore. La diagnosi con questo modulo si verifica nel 15-25% dei casi.
  • Abscessing. Si forma il 4 ° -7 ° giorno dello sviluppo dei cambiamenti di infiltrazione. In questa fase, pronunciata deformazione della faringe a causa della massiccia sporgenza fluttuante.

Data la localizzazione della cavità purulenta, è consuetudine distinguere le seguenti forme di patologia:

  • Tomaia anteriore o anteriore. È caratterizzato da un danno ai tessuti situati sopra l'amigdala, tra la sua capsula e la parte superiore dell'arco linguale (anteriore). La variante più comune della malattia, si verifica nel 75% dei casi.
  • Il retro. Con questa opzione, si forma un ascesso tra l'arco palato-faringeo (posteriore) e il bordo della tonsilla, meno spesso direttamente nell'arco. Prevalenza: 10-15% del numero totale di pazienti.
  • Inferiore. In questo caso, l'area interessata è limitata dal polo inferiore della tonsilla e dalla parete laterale della faringe. Si osserva nel 5-7% dei pazienti.
  • Esterno o laterale. Si manifesta con la formazione di un ascesso tra il bordo laterale della tonsilla palatina e la parete della faringe. La forma più rara (fino al 5%) e grave di patologia.

Sintomi dell'ascesso paratonsillare

Il primo sintomo della lesione della fibra peri-mandandiale è un mal di gola acuto e unilaterale durante la deglutizione. Solo nel 7-10% dei casi si nota un danno bilaterale. La sindrome del dolore diventa rapidamente costante, aumenta drammaticamente anche quando si tenta di ingoiare la saliva, che è un sintomo patognomonico. A poco a poco, il dolore acquisisce un carattere "strappante", si verifica l'irradiazione all'orecchio e la mascella inferiore. Allo stesso tempo, si sviluppa una sindrome da intossicazione pronunciata - febbre fino a 38,0-38,5 ° C, debolezza generale, mal di testa dolorante, disturbi del sonno. I gruppi mandibolare, anteriore e posteriore dei linfonodi cervicali sono moderatamente ingranditi. C'è un gocciolamento salivare dall'angolo della bocca a causa dell'ipersalivazione riflessa. Molti pazienti hanno respiro putrido.

Un'ulteriore progressione porta ad un peggioramento delle condizioni del paziente e al verificarsi di uno spasmo tonico dei muscoli masticatori: il trisma. Questo sintomo è caratteristico di un ascesso paratonsillare. Ci sono cambiamenti nel linguaggio, nasale. Se provi a deglutire, il cibo liquido può entrare nel rinofaringe, nella laringe. La sindrome del dolore si intensifica quando si gira la testa, costringendo il paziente a tenerlo inclinato sul lato della lesione e ruotare con tutto il corpo. La maggior parte dei pazienti prende una posizione semi-seduta con la testa inclinata verso il basso o sdraiata sul lato dolente.

In molti pazienti, l'apertura spontanea della cavità dell'ascesso si verifica il giorno 3-6. Clinicamente, questo si manifesta con un improvviso miglioramento delle condizioni generali, una diminuzione della temperatura corporea, una leggera diminuzione della gravità del trisma e la comparsa di un'impurità di contenuto purulento nella saliva. Con un decorso prolungato o complicato, si verifica una svolta nei giorni 14-18. Con la diffusione di masse purulente nello spazio periofaringeo, l'apertura dell'ascesso potrebbe non verificarsi affatto, le condizioni del paziente continuano a peggiorare progressivamente.

complicazioni

Le complicanze più comuni includono flemmone collo diffuso e mediastinite. Sono osservati sullo sfondo della perforazione della parete laterale della faringe e del coinvolgimento dello spazio parafaringeo nel processo patologico, da dove le masse purulente si diffondono al mediastino o alla base del cranio (raramente). Meno comune è la sepsi e la tromboflebite del seno cavernoso, che si verifica quando un'infezione entra nel flusso sanguigno cerebrale attraverso le vene dell'amigdala e il plesso venoso pterigoideo. Gli ascessi cerebrali, la meningite e l'encefalite si sviluppano in modo simile. Una complicazione estremamente pericolosa è il sanguinamento arterioso dovuto alla fusione purulenta dei vasi sanguigni nello spazio quasi orofaringeo.

Diagnostica

A causa della presenza di un quadro clinico patognomonico pronunciato, una diagnosi preliminare non è difficile. Per confermare l'otorinolaringoiatra di solito ha abbastanza dati storici e i risultati della faringoscopia. Un programma diagnostico completo include:

  • Raccolta di anamnesi e reclami. Spesso si forma un ascesso 3-5 giorni dopo la cura del mal di gola spontaneo acuto o il sollievo dei sintomi di una forma cronica della malattia. Il medico si concentra anche su possibili lesioni dell'orofaringe, presenza di focolai di infezione nella cavità orale.
  • Ispezione generale Molti pazienti sono ricoverati in una struttura medica con inclinazione forzata della testa verso il lato malato. C'è una limitazione della mobilità del collo, un aumento dei linfonodi regionali, un odore putrefattivo dalla cavità orale e la temperatura corporea febbrile.
  • Pharyngoscopy. Il metodo diagnostico più informativo. Consente di determinare visivamente la presenza di una sporgenza sferica fluttuante di fibra peri-mandoriale coperta di mucosa iperemica. Spesso sulla sua superficie c'è una piccola area di colore giallastro - una zona di futura svolta di masse purulente. L'istruzione può causare asimmetria della faringe - spostamento della lingua verso il lato sano, spostamento della tonsilla palatina. La localizzazione dell'ascesso dipende dalla forma clinica della patologia.
  • Test di laboratorio. In un esame del sangue generale, si notano cambiamenti infiammatori non specifici - leucocitosi neutrofila alta (15,0 × 10 9 / lo più), un aumento dell'ESR. La coltura batterica viene eseguita per identificare l'agente patogeno e determinare la sua sensibilità agli agenti antibatterici..
  • Metodi di visualizzazione hardware. L'ecografia del collo, la TC del collo, la radiografia dei tessuti molli della testa e del collo sono prescritti ai fini della diagnosi differenziale, eliminando la diffusione del processo patologico nello spazio parafaringeo, mediastino, ecc..

La patologia è differenziata con difterite, scarlattina, malattie tumorali, aneurisma dell'arteria carotidea. La presenza di una placca grigia sporca sulle mucose, l'assenza di trisma e il rilevamento di barre di Leffler secondo il serbatoio indicano a favore della difterite. semina. Con la scarlattina vengono rilevate eruzioni cutanee a punta piccola, una storia di contatto con una persona malata. Le lesioni oncologiche sono caratterizzate dalla conservazione della normale temperatura corporea o da lievi condizioni subfebrilari, dall'assenza di forti dolori e dal lento sviluppo dei sintomi. In presenza di un aneurisma vascolare, una pulsazione sincronizzata con il ritmo del cuore viene visivamente e palpata.

Trattamento dell'ascesso paratonsillare

L'obiettivo principale del trattamento nella fase di edema e infiltrazione è ridurre i cambiamenti infiammatori, con la formazione di un ascesso: drenaggio della cavità e riabilitazione del focus dell'infezione. A causa dell'elevato rischio di complicanze, tutte le misure terapeutiche vengono eseguite solo in ambito ospedaliero. Il piano di trattamento comprende:

  • Terapia farmacologica. A tutti i pazienti vengono prescritti antibiotici. I farmaci di scelta sono cefalosporine di II-III generazione, aminopenicilline, lincosamidi. Dopo aver ottenuto i risultati dell'inoculazione batterica, il regime di trattamento viene regolato tenendo conto della sensibilità dell'agente patogeno. I farmaci antipiretici, analgesici e antinfiammatori sono usati come terapia sintomatica, a volte vengono sottoposti a terapia infusionale. Le soluzioni antisettiche vengono utilizzate per sciacquare la cavità orale..
  • Chirurgia. In presenza di un ascesso formato, è obbligatoria un'autopsia dell'ascesso paratonsillare e il drenaggio della cavità in anestesia regionale. Con un decorso ricorrente di mal di gola cronico, ripetute paratonzilliti o l'inefficacia della terapia precedente, viene eseguita un'ascessstonosillectomia - svuotando l'ascesso contemporaneamente alla rimozione della tonsilla interessata.

Previsioni e prevenzione

La prognosi per l'ascesso paratonsillare dipende dalla tempestività dell'inizio del trattamento e dall'efficacia della terapia antibiotica. Con una terapia adeguata, l'esito della malattia è favorevole: il recupero completo si verifica dopo 2-3 settimane. Se ci sono complicanze intratoraciche o intracraniche, la prognosi è dubbia. La prevenzione consiste nella riabilitazione tempestiva di focolai purulenti: il trattamento razionale di tonsillite, denti cariati, gengivite cronica, infiammazione della vegetazione adenoidea e altre patologie, sottoposti a un ciclo completo di terapia antibatterica.

Foto di ascesso tonsillare

I processi infiammatori localizzati nella regione della gola si trovano nella stragrande maggioranza delle persone. Il dolore e il mal di gola spesso non causano alcun problema, ma invano. Le infezioni non trattate della laringe diventano focolai di infezione cronica che inibiscono l'attività del sistema immunitario e in alcuni casi si sviluppa una malattia come l'ascesso tonsillare.

Un ascesso è chiamato una formazione vuota nella formazione nelle ghiandole e nel palato molle, pieno di pus.

Visivamente, può apparire come un gonfiore nella cavità orale, gonfiore dal collo o essere completamente invisibile.

Secondo la classificazione delle patologie somatiche, la malattia porta un codice speciale J36.

Non esistono dati statistici su quali persone di quale genere ed età abbiano maggiori probabilità di incontrare la malattia. Pertanto, le informazioni sull'ascesso tonsillare saranno utili a tutti.

Un ascesso è classificato in almeno due categorie:

La differenza tra questi due tipi è che l'ascesso paratonsillare è simmetrico e colpisce entrambe le tonsille.

Secondo l'immediata localizzazione dell'istruzione, distinguono:

  • sopra - dopo l'esame, è chiaro che le tonsille vengono spinte in avanti dagli spazi;
  • le ghiandole esterne sono chiaramente visibili durante l'ispezione visiva e quasi bloccano la gola;
  • interno: la formazione di pus avviene all'interno dei tessuti delle ghiandole;
  • più in basso - le tonsille si alzano.

Gola raffigurata con ascesso tonsillare

Tutti i tipi di malattia provocano angina - infiammazione acuta dei tessuti della laringe. Nella maggior parte dei casi, dopo che le manifestazioni dell'angina sono ridotte, la minima ipotermia porta a una ricaduta della malattia. Un ascesso si forma nei tessuti, ma una persona crede che questo corrisponda al decorso della malattia e non agisca tempestivamente. I più a rischio sono le persone che soffrono di tonsillite purulenta..

Ci sono anche fattori che predispongono allo sviluppo della patologia:

  • diabete;
  • immunodeficienza, incluso l'AIDS o una diminuzione delle difese dell'organismo dopo una precedente infezione o l'assunzione di antibiotici;
  • fumatori;
  • stress frequenti: psico-emotivo e fisico;
  • carie e altre malattie del cavo orale;
  • complicanze dopo tonsillectomia.

Il sintomo più comune dell'ascesso tonsillare è un mal di gola. Ma la complessità della diagnosi è che il disturbo si presenta tradizionalmente sullo sfondo di tonsillite, faringite o tonsillite, può essere difficile riconoscere la malattia in manifestazione.

Pertanto, il quadro clinico è meglio considerato in un complesso di altri sintomi:

  • sensazioni di un nodo alla gola;
  • alitosi;
  • linfonodi ingrossati;
  • febbre;
  • labilità emotiva, nervosismo;
  • dolore che si estende al collo, orecchie, testa.

Nonostante il gran numero di sintomi, è abbastanza difficile identificare in modo indipendente un ascesso.

Dimostrazione video dell'esame della gola e apertura dell'ascesso tonsillare:

Un medico ORL è coinvolto nella diagnosi di patologia. In primo luogo, studia la storia del paziente, scopre con che cosa era malato, se ha disturbi cronici, che attualmente è preoccupante. Quindi esamina la laringe del paziente per la presenza di infiammazione dei tessuti e cambiamenti nelle dimensioni delle tonsille, la simmetria degli organi della laringe.

Per una diagnosi più accurata vengono utilizzati:

  • analisi del sangue generale;
  • esame ecografico del collo;
  • tampone di gola per coltura batterica.

Questi studi sono necessari non solo per confermare la diagnosi, ma anche per determinare le tattiche della terapia.

L'obiettivo della terapia è aprire l'ascesso e rimuovere l'infiammazione dai tessuti. Questo può essere fatto in due modi: dalla chirurgia o dal trattamento conservativo. Di norma, indipendentemente dalla scelta del metodo di terapia, al paziente viene offerto un trattamento ospedaliero.

Al fine di ottenere un'autopsia dell'ascesso senza l'intervento di un chirurgo, viene utilizzato il riscaldamento del collo. Allo stesso tempo, vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro o, se esiste un risultato di un tampone alla gola corrispondente alla sensibilità dello spettro rilevata.

È richiesto anche il lavaggio laringeo costante. Come risciacqui possono essere utilizzati:

  • soluzioni saline;
  • furatsilin;
  • decotto di quercia o camomilla.

Inoltre, la laringe può essere irrigata con Miramistin.

Se necessario, vengono prescritti fondi per il trattamento sintomatico:

Se il trattamento conservativo è inefficace, viene affrontato il problema del trattamento chirurgico. Se l'ascesso può essere facilmente rimosso, questo viene fatto in anestesia locale. Ma se la formazione purulenta è inaccessibile a un intervento meno traumatico, il medico può raccomandare la rimozione completa delle tonsille.

Lo stesso metodo può essere raccomandato se la resezione dell'ascesso era stata precedentemente eseguita ripetutamente, ma poi seguita da una ricaduta.

Autopsia dell'ascesso tonsillare:

L'infiammazione nelle ghiandole può diffondersi ad altri tessuti situati nelle vicinanze. Spesso, un ascesso delle tonsille passa ad altri organi dell'apparato respiratorio o ai tessuti molli del collo. Esiste anche il rischio di sepsi.

Con un ascesso bilaterale, c'è il rischio di stenosi: una gola bloccata seguita da arresto respiratorio. Un esito fatale con questo disturbo non accade spesso, ma, tuttavia, è possibile.

Al fine di evitare lo sviluppo di ascessi tonsillari, è necessario rispettare due regole:

  • mantenere l'attività dell'immunità;
  • eliminare le fonti di infezione cronica.

Qualsiasi malattia deve essere trattata in modo tempestivo, impedendo la loro transizione allo stadio cronico. Anche la carie può causare infiammazione delle tonsille e quindi un ascesso..

Il mantenimento dell'immunità al giusto livello di attività viene effettuato utilizzando l'indurimento, una corretta alimentazione e il rifiuto delle cattive abitudini..

Qual è il pericolo di un ascesso e come trattarlo, vedi nel nostro video:

Con un trattamento adeguato e tempestivo, la prognosi è positiva. Il trattamento conservativo dura fino a 3 settimane, la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico richiede un periodo simile. Secondo le statistiche, le ricadute nell'eliminazione dell'ascesso e le cause della malattia si verificano raramente.

Un ascesso della gola, che è anche chiamato un ascesso retrofaringeo, rappresenta le conseguenze della suppurazione del tessuto della regione faringea e dei linfonodi.

L'aspetto della malattia è promosso da microrganismi piogeni che entrano nel corpo attraverso i percorsi linfatici attraverso l'orecchio medio, il rinofaringe e il naso.

In alcuni casi, un ascesso faringeo si sviluppa a causa di malattie come:

Inoltre, può apparire un ascesso tonsillare a causa di lesioni meccaniche della mucosa della cavità faringea.

TUTTI devono saperlo! INCREDIBILE MA VERO! Gli scienziati hanno stabilito una relazione di RISCALDAMENTO. Si scopre che il 50% di tutte le infezioni virali respiratorie acute, accompagnate da febbre, nonché sintomi di febbre e brividi, sono causati da BATTERI e PARASSITI, come Giardia, Ascaris e Toxocara. A cosa servono questi parassiti? Possono privare la salute e persino la vita, perché influenzano direttamente il sistema immunitario, causando danni irreparabili. Nel 95% dei casi, il sistema immunitario è impotente di fronte ai batteri e le malattie non richiedono molto tempo.

Per dimenticare i parassiti una volta per tutte, pur mantenendo la loro salute, esperti e scienziati consigliano di prendere.....

Questi tipi di ascessi si distinguono:

La suppurazione faringea si sviluppa più spesso in tenera età. Si verifica nel processo di una malattia infettiva di natura infiammatoria o dopo il suo decorso..

L'ascesso faringeo laterale si trova spesso in età adulta. Inoltre, le eruzioni cutanee purulente sono concentrate nella zona periofaringea. I fattori di questo processo si verificano nelle malattie infettive della gola o nelle lesioni meccaniche alla mucosa.

Ascesso perinomaldico: si tratta di conseguenze frequenti per mal di gola e lesioni della mucosa della gola.

Un ascesso purulento alla gola si sviluppa a causa della microflora mista, in cui stafilococchi e streptococchi convivono con altre varietà di Escherichia coli. Molto spesso, l'insorgenza di tale condizione risiede nell'infiammazione cronica degli organi ENT.

Quindi, la tonsillite follicolare cronica può contribuire a questa complicazione. Inoltre, appare in caso di esacerbazione della forma cronica di tonsillite. Le tonsille più infiammate possono essere dovute a problemi con le adenoidi, che sono tonsille rinofaringee ingrossate.

Dopo essere entrati nel rinofaringe, i batteri piogeni iniziano a moltiplicarsi sulla mucosa della gola, a seguito della quale appare prima il rossore e quindi si formano le eruzioni purulente, come mostrato nella foto.

Inoltre, sono presenti sintomi come arrossamento e ingrossamento delle tonsille. Questo processo accompagna il dolore, che spesso si irradia all'orecchio..

I sintomi della malattia scompaiono all'istante. Quindi, in un paziente con angina, quando le tonsille sono infiammate, sono presenti le seguenti manifestazioni:

  • disagio quando ci si sposta intorno ai muscoli mascellari;
  • febbre;
  • difficile parlare, respirare e deglutire;
  • secrezione mucosa;
  • naso chiuso;
  • dolore sottomandibolare.

Questi sintomi sono integrati da brividi, nausea, alitosi, disidratazione dell'orgasmo e vomito. Inoltre, l'ascesso alla gola è caratterizzato da segni come sonnolenza, dolore ai muscoli e alla testa, perdita di forza e affaticamento.

Le eruzioni cutanee purulente sui tessuti situati vicino alla laringe sono accompagnate da gonfiore (fluttuazione). Nel processo di sensazione di gola, si osservano foche, linfonodi ingrossati, gonfiore e aumento locale della temperatura.

Quando viene diagnosticato un "ascesso alla gola con angina", la faringoscopia rivela un infiltrato ovale, leggermente predominante sui tessuti sani. Spesso è gonfio e iperemico. Nei test di laboratorio viene rilevato un aumento dell'ESR e della leucocitosi.

Un ascesso purulento con angina ha un nome medico - ascesso paratonsillare. Sintomi della malattia - infiammazione dello spazio peri-mandibolare. Di norma, la malattia è localizzata su un lato della gola, sebbene ci siano ascessi bilaterali.

Spesso questa complicazione si sviluppa dopo esacerbazione della tonsillite cronica e sullo sfondo della terapia inferiore della tonsillite follicolare o lacunare. In questo caso, dopo una diminuzione della progressione della malattia, anche quando i suoi sintomi scompaiono, dopo 2-3 giorni si verifica una forte ricaduta.

Inoltre, nel processo di deglutizione, il paziente avverte dolore all'orecchio. E nella gola ci sono arrossamenti e gonfiori. Inoltre, si verifica mal di gola durante la masticazione della gola..

I linfonodi cervicali sono ingrossati sotto la mascella; a causa dell'edema dei tessuti, è impossibile aprire completamente la bocca. L'infiammazione della gola è accompagnata da febbre, che si attenua al mattino e si alza la sera.

Inoltre, sintomi come:

  1. respiro affannoso;
  2. muscoli e mal di testa;
  3. nasale;
  4. aumento della salivazione.

Vale la pena notare che un ascesso purulento della gola con angina, se non esiste una terapia competente e tempestiva, può portare a gravi complicazioni..

Se trattate questo fenomeno a casa, allora tutto può finire con conseguenze spiacevoli. Pertanto, se si verificano le manifestazioni iniziali di suppurazione, è necessario contattare l'otorinolaringoiatra.

Il medico effettuerà un esame visivo, quindi condurrà vari test. Quindi, al paziente può essere assegnata una puntura, che viene prelevata da una formazione purulenta.

Inoltre, è necessario eseguire i test per il serbatoio - semina dalla gola. Inoltre, il medico esamina la storia medica del paziente. Forse il paziente ha precedentemente sofferto di malattie simili agli organi ENT.

Vale la pena notare che il trattamento di un ascesso è orgoglioso non può essere effettuato a casa. La terapia della malattia deve necessariamente essere eseguita in condizioni stazionarie. Può essere chirurgico o medico.

Il trattamento farmacologico viene effettuato se la patologia è stata diagnosticata in una fase iniziale di sviluppo. In assenza di un risultato adeguato o di una forma trascurata della malattia, viene eseguita un'operazione.

Il trattamento farmacologico prevede la somministrazione intramuscolare di grandi dosi di farmaci antibatterici ad ampio spettro, come cefazolina e penicillina. Per facilitare il trisma mascellare, al paziente viene prescritta Novocaina (0,5%).

A casa, puoi fare i gargarismi con:

  • soluzione di soda;
  • un decotto di camomilla;
  • Furatsilina;
  • infuso di salvia;
  • Rotokana.

Con l'angina, il medico prescrive il trattamento con aerosol antisettici, farmaci antipiretici e analgesici. Un altro paziente deve aumentare le funzioni protettive del corpo.

A tal fine, deve bere farmaci immunostimolanti come desossiribonucleinato di sodio e azoximer..

Quando la malattia è in una fase avanzata o l'uso di agenti antibatterici è inefficace, viene utilizzata la chirurgia. Quindi, un ascesso che è maturato per quattro giorni deve essere aperto immediatamente senza svuotamento spontaneo.

L'autopsia di una formazione purulenta viene eseguita secondo un certo schema. Inizialmente, l'anestesia locale viene eseguita utilizzando la polverizzazione o il trattamento con agenti. Per fare ciò, puoi usare:

Quindi viene praticata un'incisione sulla zona gonfia del collo. Se non c'è evidente gonfiore, il chirurgo si concentra sull'intersezione di linee orizzontali e verticali e, nella direzione sagittale, la lunghezza e la profondità non sono più di due centimetri. Quindi esegue un'incisione usando un bisturi.

Una siringa Hartmann viene inserita nel foro risultante, dopo di che si espande a 4 cm, a causa della quale scoppiano i ponticelli nella cavità dell'ascesso. Successivamente, viene eseguito il drenaggio..

In alcuni casi, un'autopsia viene eseguita utilizzando strumenti speciali: una siringa Hartmann o uno strumento Schneider. Il loro aspetto è mostrato nella foto qui sotto..

I più difficili da aprire sono gli ascessi con localizzazione esterna. In tali casi, viene utilizzata l'ascessonsonsectectomia, che è attualmente molto richiesto..

Per eseguire una tale procedura, ci sono alcune indicazioni, che sono le seguenti:

  1. La presenza di sintomi di esacerbazione della paratonsillite (mediastatinite, sepsi, parafaringite e flemmone).
  2. Paratonzillite, storia ricorrente;
  3. La mancanza di miglioramento e dinamiche positive dopo l'apertura dell'ascesso e il pompaggio del pus;
  4. La posizione inopportuna dell'ascesso, ad esempio, la formazione laterale è difficile da aprire e drenare.

Vale la pena notare che tale trattamento richiede un successivo follow-up.

L'aspetto e il successivo sviluppo di malattie di questo tipo possono essere prevenuti se si seguono alcune raccomandazioni. In modo che la tonsillite purulenta con un ascesso non si sviluppi, è necessario:

  • Monitorare l'igiene orale.
  • Lavare il corpo regolarmente con un gel o sapone antibatterico.
  • Effettuare un trattamento tempestivo di tonsillite, faringite e altre malattie della gola.
  • Applicare gel e unguenti antibatterici.
  • Cura tempestiva dei denti cariati.
  • Conduci uno stile di vita attivo e adeguato e aumenta l'immunità.

Dettagli sui pericoli di un ascesso nel video in questo articolo.

I casi non trattati di tonsillite sono pericolosi per le complicazioni.

Lo sviluppo dell'ascesso paratonsillare è spesso il risultato degli effetti della tonsillite o del suo trattamento improprio.

La malattia è irta di gravi conseguenze e complicazioni..

La diagnosi di ascesso paratonsillare implica la diffusione dell'infiammazione acuta nel tessuto peri-mandorla.

La paratonsillite (tonsillite catarro) è eccitata dall'infezione nell'area intorno alla tonsilla palatina. Come risultato dell'infezione dei tessuti nella fibra sciolta, si verifica un ascesso, che è accompagnato da edema espressivo della mucosa e un aumento della temperatura del paziente.

Tipi di ascesso paratonsillare:

  1. Il processo infiammatorio anteriore - superiore è il più comune e si verifica nel 70% dei casi. La zona superiore della tonsilla si trova nella rientranza, dove è difficile il deflusso del contenuto degli spazi. La localizzazione della patologia si verifica tra l'arco palatino-linguale e il polo superiore della tonsilla. La sconfitta del palato molle sporge di fronte e l'ascesso può drenare in modo indipendente.
  2. Un ascesso inferiore è raro ed è spesso il risultato di cause odontogene (in uscita dai denti). La posizione dell'ascesso paratonsillare è fissata sul terzo inferiore della tonsilla.
  3. La variante posteriore si trova nel 10% dei casi ed è molto pericolosa. È accompagnato da altri sintomi e può causare edema laringeo e insufficienza respiratoria. Il focus dell'infiammazione è localizzato tra l'arco palato-faringeo (a volte in esso) e la tonsilla. Il paziente non ha difficoltà ad aprire la bocca e questo è un indicatore importante nella diagnosi della malattia.
  4. Il tipo di patologia esterna (esterna) è molto rara e si trova al di fuori della tonsilla.

L'eziologia dello sviluppo della malattia è ridotta alle proprietà virulente dell'infezione. I batteri patogeni penetrano dai follicoli purulenti delle tonsille nella fibra circostante, dove c'è una maggiore friabilità.

Attraverso le rientranze (lacune) dei microbi, le pareti sottili delle capsule passano e formano la suppurazione nel polo superiore delle tonsille.

Agenti patogeni che penetrano nel percorso tonsillogenico:

  • streptococchi;
  • stafilococchi;
  • Lievito candida
  • emofili influenza;
  • Klebsiella;
  • escherchia colli.

Non solo le complicanze della tonsillite o della faringite streptococcica possono essere le cause dell'ascesso paratonsillare.

Lesioni della mucosa, corpi estranei, infiammazione dei denti - possono causare un ascesso.

La diminuzione della funzione protettiva del corpo svolge un ruolo importante nell'insorgenza della malattia. Ipotermia banale, stress e fumo - fattori suggestivi per i processi infiammatori.

Il quadro clinico inizia a manifestarsi con mal di gola e difficoltà a deglutire anche prima della comparsa di un ascesso. A differenza della tonsillite, sia i bambini che gli adulti possono soffrire della malattia..

Dopo i primi sintomi del dolore, si sviluppa un ascesso paratonsillare entro una settimana: i capillari si riempiono di sangue e si verifica l'edema.

Rispetto all'angina, la condizione peggiora, il dolore è espresso da coliche e dolore, anche in uno stato calmo. Il trisma può essere osservato e masticare e mangiare sono difficili. Il paziente spesso inclina la testa da un lato a causa del dolore all'orecchio.

Con l'avvento dell'ascesso peri-aminaldial, si sviluppano i seguenti sintomi:

  • mal di gola in costante crescita, gonfiore chiude la tonsilla e sposta la lingua nella direzione opposta dall'infiammazione;
  • brividi, febbre e febbre fino a 39–40 ° C.

Intossicazione del corpo, accompagnata da mal di testa e debolezza, disturbi del sonno. C'è un aumento dei linfonodi e del dolore che si irradia ai denti o alle orecchie. Respiro estraneo e talvolta spasmo tonico dei muscoli masticatori.

In alcuni casi, l'edema laringeo richiede cure mediche di emergenza.

Nella foto ascesso paratonsillare della laringe

Nelle fasi iniziali della malattia prima dell'inizio di un ascesso, vengono utilizzati metodi di trattamento conservativi. UHF e procedure termiche, la terapia minerale può essere prescritta.

In parallelo, i gargarismi sono indicati con infusi di camomilla, disinfettanti o soluzione salina.

L'uso locale di Fusafungin (Bioparox) ha un effetto antibatterico e antinfiammatorio, inibisce la riproduzione dei microbi sulla mucosa.

Gli antibiotici di ampia azione sono prescritti per i ceppi di microrganismi gram-positivi e gram-negativi:

  • Amoxicillina con acido clavulanico;
  • Ampicillina con sulbattano;
  • Cefalosporine di seconda e terza generazione (Cefazolin, Cefuroxime);
  • clindamicina;
  • metronidazolo.

Le serie di antibiotici tetracicline e aminoglicosidici danno una bassa efficacia del trattamento.

Insieme alla serie di aminopenicilline e macrolidi, dovrebbero essere usati analgesici, antidolorifici, farmaci riparatori, vitamine..

Le iniezioni endovenose di glucocorticosteroidi possono accelerare il recupero e facilitare il decorso della malattia.

L'aspetto di un ascesso viene trattato chirurgicamente, il riscaldamento in questo caso è controindicato. Viene aperto un ascesso, che allevia la tensione del tessuto infiammato e riduce il dolore acuto e il rischio di complicanze.

Dopo aver aperto l'ascesso, vengono utilizzati farmaci conservativi.

Tipi di trattamento chirurgico per ascesso paratonsillare:

  1. Il metodo palliativo viene eseguito la puntura con l'aspirazione di pus. Con questa tecnica, il recupero completo non si verifica sempre, il foro può aderire. Quindi la ferita viene allargata e drenata per diversi giorni.
  2. Il metodo radicale consente di drenare la ferita e rimuovere il fuoco dell'infezione. Il medico esegue una tonsillectomia: viene praticata un'incisione bilaterale.

Ci sono controindicazioni all'uso di tecniche chirurgiche: malattie del sangue, ipertensione arteriosa, diabete.

L'immunità indebolita del paziente può portare alla penetrazione dell'infezione dalla fibra infetta nello spazio periofaringeo.

La possibilità di flemmone vicino alla parte faringea è accompagnata da un'infiammazione purulenta diffusa. Il decorso acuto della patologia può catturare le aree circostanti il ​​flemmone. Le condizioni del paziente si deteriorano bruscamente e si sviluppa una mediastinite purulenta.

Il flemmone può causare altri problemi:

  • lo sviluppo della sepsi;
  • necrosi tissutale;
  • Mal di gola di Ludwig;
  • trombosi della vena interna;
  • scoperta di sanguinamento dei vasi cervicali.