Image

Trattamento delle infezioni virali con antibiotici, benefici e rischi degli antibiotici

Tutto il contenuto di iLive è controllato da esperti medici per garantire la migliore accuratezza e coerenza possibile con i fatti..

Abbiamo regole rigorose per la scelta delle fonti di informazione e ci riferiamo solo a siti affidabili, istituti di ricerca accademica e, se possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi..

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Molte persone pensano che non abbia senso prescrivere antibiotici per l'ARVI, poiché si tratta di farmaci antibatterici e non agiscono sui virus. Quindi perché vengono ancora nominati? Scopriamolo.

L'ARVI è una malattia infettiva comune che viene trasmessa da goccioline trasportate dall'aria o dal contatto attraverso mani, oggetti, cose non lavate. Il nome di un'infezione virale respiratoria acuta parla da solo: l'infezione è causata da virus pneumotropici che colpiscono la maggior parte del sistema respiratorio.

Trattamento ARVI con antibiotici

Se una malattia catarrale è causata da un'infezione virale, è più logico assumere farmaci antivirali ai primi sintomi, effettuare la disintossicazione e il trattamento sintomatico come indicato. La terapia antibiotica viene di solito somministrata circa una settimana dopo il rilevamento di un raffreddore, se il trattamento per un'infezione virale è considerato inefficace, le condizioni del paziente peggiorano o rimangono invariate..

Inoltre, si verificano spesso situazioni in cui, sullo sfondo di una diminuzione dell'immunità, provocata da un'infezione virale respiratoria acuta, si sviluppa un'ulteriore patologia batterica. Qui, solo l'uso di antibiotici diventa possibile e persino necessario. Gli antibiotici sono farmaci ad azione complessa e poliedrica, la loro somministrazione viene effettuata nel rispetto di alcune precauzioni: osservanza esatta del dosaggio e del tempo di somministrazione, con determinazione della sensibilità della flora batterica, con l'uso simultaneo di alcuni farmaci antifungini e immunomodulanti. Pertanto, la soluzione migliore quando si sceglie un antibiotico è una consultazione preliminare con un medico di medicina generale o uno specialista in malattie infettive, che ti consiglierà il farmaco più efficace nel tuo caso..

Gli antibiotici aiutano con ARVI?

Se entro pochi giorni dall'insorgenza di infezioni virali respiratorie acute si nota la comparsa di linfonodi dolorosi e mal di gola, placca sulle ghiandole, tiro nell'orecchio, naso che cola purulento persistente prolungato, respiro sibilante nei polmoni, temperatura elevata (più di tre giorni), quindi l'uso di antibiotici in tali casi giustificati abbastanza.

Affinché gli antibiotici abbiano l'effetto atteso, prima di tutto devono essere selezionati correttamente: vengono determinati lo spettro di azione, la localizzazione, il dosaggio e la durata della somministrazione.

Al fine di ottenere dinamiche positive, curare la malattia e non danneggiare il corpo, è necessario rispettare rigorosamente le regole generali per l'assunzione di antibiotici:

  • la nomina di un antibiotico dovrebbe essere dovuta alla presenza o alla possibilità di un'infezione batterica;
  • durante l'assunzione di un antibiotico, dovrebbe essere determinata la sua concentrazione costante necessaria nel sangue: se il medico ha prescritto un antibiotico 5 volte al giorno, allora dovrebbe essere preso esattamente 5 volte e non dovresti ridurre il dosaggio da solo e modificare il regime di trattamento, questo sbilancerà la tua microflora e batterica ;
  • non dovresti smettere di assumere antibiotici immediatamente dopo i primi segni di sollievo, il corso di somministrazione deve essere portato a termine: un corso incompiuto indebolisce solo la forza dei batteri e per un completo recupero è necessario che muoiano completamente. Senza distruggerli completamente, si corre il rischio di ammalarsi presto o di acquisire una forma cronica della malattia;
  • durante l'assunzione di antibiotici, è necessario adottare misure per prevenire la disbiosi, poiché questi farmaci possono avere un effetto dannoso non solo sulla microflora patogena, ma anche sulla microflora intestinale sana: sullo sfondo della terapia antibiotica, si consiglia di assumere agenti antifungini e anche farmaci che supportano la microflora benefica nel corpo;
  • per la prevenzione dell'effetto tossico degli antibiotici, è necessario assumere una quantità sufficiente di liquido, compresi i prodotti lattiero-caseari fermentati;
  • mangiare più vitamine, bere succhi di frutta, se possibile più spesso essere al sole e all'aria aperta.

Quando vengono prescritti antibiotici per le infezioni virali respiratorie acute?

Esistono casi di prescrizione di antibiotici per patologie virali acute e sono tutt'altro che singoli. Naturalmente, non vale la pena assumere farmaci antibatterici senza la necessità, tuttavia ci sono alcune ragionevoli ragioni per la loro nomina:

  • la presenza di infiammazione cronica, spesso esacerbante, dell'orecchio medio;
  • bambini piccoli con segni di sviluppo avverso: mancanza di peso corporeo, mancanza di calcio e vitamina D, immunità indebolita, anomalie nel funzionamento del corpo;
  • la presenza di sintomi di debolezza cronica del sistema di difesa del corpo (frequenti processi infiammatori, raffreddori, febbre non motivata, processi purulenti, micosi, disturbi digestivi persistenti, neoplasie maligne, AIDS, anomalie congenite del sistema immunitario, patologia autoimmune).

Inoltre, l'uso di antibiotici è efficace e comprensibile per alcune complicazioni:

  • l'attaccamento di un'infezione purulenta (sinusite, lesioni dei linfonodi, ascessi, flemmone, danno batterico alla gola e al sistema respiratorio);
  • lo sviluppo simultaneo di tonsillite batterica (purulenta, con presenza di infezioni da streptococco o anaerobica);
  • la formazione di infezioni alle orecchie di fondo;
  • l'attaccamento di un processo infiammatorio nei polmoni di qualsiasi eziologia.

Spesso gli antibiotici sono prescritti per i pazienti debilitati come profilassi nella lotta contro le complicanze..

Quali antibiotici da bere con ARVI?

Gli antibiotici, che di solito sono prescritti per le infezioni virali respiratorie acute, sono rappresentanti dei seguenti gruppi:

  • la serie di penicilline - oxacillina, sale di ampicillina sodica, ampiox - i farmaci antibatterici con ampia azione batteriostatica e battericida, vengono rapidamente assorbiti, agiscono efficacemente sulle infezioni da pneumococco, meningococco, streptococco;
  • serie di cefalosporine - cefaloridina, cefalossina, cefazolina, cefatrexil - antibiotici a bassa tossicità, agiscono su batteri gram-positivi e gram-negativi, inibiscono anche i ceppi resistenti alla penicillina;
  • serie di tetraciclina - tetraciclina cloridrato, morfociclina, doxiciclina - inibiscono la sintesi proteica in una cellula microbica, farmaci antibatterici attivi;
  • aminoglicosidi - gentamicina, amikacina - antibiotici popolari per infezioni gravi;
  • gli antibiotici macrolidi - eritromicina, azitromicina - inibiscono la crescita dei batteri;
  • altri gruppi di antibiotici - lincomicina, rifampicina.

La scelta dell'antibiotico è determinata dallo spettro della sua azione, dal grado di influenza sulla cellula batterica. Prima di assumere farmaci, leggi attentamente le istruzioni e, ancora meglio, consulta un medico.

Antibiotici per infezioni virali respiratorie acute negli adulti

Gli antibiotici, di regola, non sono prescritti dai primi giorni della malattia. L'eziologia virale dell'ARVI prevede l'uso principalmente di farmaci antivirali (rimantadina, zanamivir).

La terapia antibiotica negli adulti viene utilizzata per rilevare i seguenti sintomi:

  • alti (oltre tre giorni) alti tassi di temperatura corporea;
  • sintomi di intossicazione generale del corpo (mal di testa, vertigini, nausea, cianosi);
  • respiro sibilante, difficoltà respiratorie, incapacità di tossire il contenuto dei bronchi, pesantezza dietro lo sterno;
  • aumento della velocità di eritrosedimentazione (VES);
  • aumento della conta dei globuli bianchi;
  • la comparsa di focolai visibili di danno microbico (flemmone, ascessi, bolle, sinusite purulenta);
  • l'assenza di dinamiche positive nello sviluppo della malattia (nonostante il trattamento, progressi nei sintomi patologici);
  • vecchiaia e sistema immunitario indebolito.

Prescrivere antibiotici per le infezioni virali respiratorie acute negli adulti anche con una forma mista e complicata della malattia..

Antibiotici per infezioni virali respiratorie acute nei bambini

Molti genitori, quando un bambino sviluppa un'infezione virale respiratoria acuta, hanno fretta di dargli qualsiasi antibiotico, a volte senza motivo. Non abbiate fretta con la terapia antibiotica, soprattutto quando si tratta di bambini.

Ecco alcuni principi in base ai quali vengono prescritti antibiotici per le infezioni virali respiratorie acute nei bambini:

  • gli antibiotici sono usati solo se esiste un'alta probabilità o con una comprovata eziologia batterica della condizione patologica;
  • quando si determina un antibiotico per il trattamento, vengono presi in considerazione gli agenti causali più probabili di una malattia infettiva e viene specificata la possibilità di una recente terapia antibiotica di qualsiasi altra malattia in un bambino;
  • la scelta dell'effetto terapeutico sul bambino comporta la nomina di farmaci con un basso livello di tossicità;
  • molti farmaci antibatterici hanno limiti di età;
  • il dosaggio di antibiotici per i bambini viene di solito effettuato tenendo conto del peso corporeo totale del bambino.

Le forme semplici di ARVI di solito non richiedono l'uso di antibiotici. Sono prescritti per l'infiammazione concomitante dei seni mascellari, con tonsillite, otite media, segni di polmonite.

Antibiotici per ARVI e influenza

L'influenza è, infatti, la stessa infezione virale caratterizzata, a differenza delle infezioni virali respiratorie acute, con un'insorgenza più acuta e la possibilità di sviluppare complicanze più gravi.

Torniamo alla domanda se gli antibiotici sono ugualmente necessari per le infezioni virali respiratorie acute e l'influenza.?

Anche l'agente causale dell'influenza è un virus, pertanto non è gradita la prescrizione non motivata della terapia antibiotica per l'influenza. In primo luogo, si tratta di un ulteriore effetto tossico sul fegato e sul tratto gastrointestinale e, in secondo luogo, sulla possibile formazione di resistenza agli antibiotici della flora batterica.

La terapia antibiotica deve essere associata a sintomi sintomatici e antivirali solo in caso di febbre prolungata in corso, con malattie croniche del tratto respiratorio, reni, sistema cardiovascolare, diabete mellito e riduzione della difesa immunitaria. Gli antibiotici possono essere prescritti per prevenire il rischio esistente di infezione batterica secondaria..

Dovresti iniziare a prendere gli antibiotici solo come prescritto dal medico, non prenderli da soli e irragionevolmente.

Elenco di antibiotici per ARVI

Uno dei farmaci antibatterici più efficaci per le infezioni virali respiratorie acute è considerato il seguente:

  • La serie di cefalosporine comprende cefexin, zeporin, apsetil - preparati semisintetici con un ampio spettro di effetti. Sono note tre generazioni di questi farmaci. L'effetto batteriostatico consente l'uso di questi antibiotici per qualsiasi malattia infettiva del sistema respiratorio. Gli adulti possono assumere farmaci in una dose giornaliera di 400 mg, divisa in due dosi. Il corso del trattamento è di 1-2 settimane;
  • La serie fluorochinolone è rappresentata dalla moxifloxacina e dalla levofloxacina, caratterizzate da rapido assorbimento e buona azione battericida. Agli adulti vengono prescritti 0,5 g al giorno. Non raccomandato per l'uso nella pratica pediatrica;
  • la serie di macrolidi è rappresentata da eritromicina, azitromicina, utilizzata per sinusite, tonsillite, otite media, polmonite. Autorizzato a prendere questi farmaci durante la gravidanza. Assumere 5-6 volte al giorno per 0,25 g;
  • La serie di penicilline comprende antibiotici derivati ​​dalla penicillina: ampicillina, amoxicillina, ossacillina. Possono essere usati in pediatria, poiché hanno un basso grado di tossicità. La dose giornaliera è da due a tre grammi, presa 4 volte.

Il corso della terapia antibiotica è di 1-2 settimane, ma non meno di cinque e non più di 14 giorni.

Se un antibiotico è inefficace, dovrebbe essere sostituito nel prossimo futuro con un altro, con un maggiore grado di attività contro i batteri.

Se si sviluppa una reazione allergica a un antibiotico, è necessario visitare un medico per sostituire il farmaco con un farmaco di un altro gruppo.

Il miglior antibiotico per ARVI

Sfortunatamente, non si può dire con certezza quale dovrebbe essere il miglior antibiotico per ARVI. La selezione dell'antibiotico viene effettuata individualmente, tenendo conto del grado di infezione, dell'età e delle condizioni del paziente, della sensibilità della flora batterica e della storia allergica del paziente. Se ci fosse uno dei migliori antibiotici, non avrebbe senso in tutti gli altri agenti antibatterici..

Tuttavia, gli antibiotici sono divisi in normali (penicillina, tetraciclina, cloramfenicolo, eritromicina) e più forti (ceftriaxone, unidox, sumamed, rulide, ecc.) In base al grado di esposizione alla cellula microbica.

Nel trattamento delle malattie infettive di eziologia mista, si dovrebbe scegliere non solo agenti antibatterici forti, ma antibiotici che sono attivi contro la più ampia gamma di agenti patogeni possibili. A volte, per ottenere la massima ampiezza di esposizione, è possibile prescrivere combinazioni di farmaci con diverso spettro antibatterico.

Non è un segreto che i farmaci di nuova generazione hanno un grado di attività molto più elevato e hanno meno effetti collaterali degli antibiotici, ad esempio trenta anni fa. Tali farmaci sono la claritromicina (il clubax, insieme all'esposizione ai batteri, migliora l'immunità), nonché il sumamed (è l'azitromicina, ha la proprietà di un effetto stabile sui ceppi batterici).

I farmaci possono essere assunti per via orale, come iniezione o spray.

Molte persone, al minimo segno di qualsiasi malattia, prescrivono antibiotici per se stessi. Questo è sbagliato, poiché l'uso irragionevole e non qualificato di antibiotici provoca la rapida crescita e le mutazioni delle cellule batteriche, che riduce significativamente l'effetto degli agenti antibatterici.

Gli antibiotici per ARVI non devono essere assunti in modo incontrollato anche perché questi farmaci agiscono non solo su batteri specifici, ma su tutto il corpo.

"Se la polmonite è virale, gli antibiotici sono inutili?" I pneumologi rispondono alle domande dei lettori

Cosa fare se il bambino ha spesso la laringite? Come scegliere un inalatore? La polmonite provoca virus o infezione batterica? Continuiamo a rispondere alle domande dei lettori. Inizia una conferenza online qui.

Foto: portale di persone sane

Yelena Davidovskaya, capo pneumologo freelance del Ministero della Salute, candidato di scienze mediche, capo del dipartimento di pneumologia e metodi chirurgici per il trattamento delle malattie respiratorie della RPRC di pneumologia e fitisiologia;

Vladimir Bobrovnichy, capo pneumologo pediatrico freelance del Ministero della Salute, candidato alle scienze mediche, preside della facoltà pediatrica dell'Università statale bielorussa di medicina.

"Quale inalatore raccomandano gli esperti?"

- Un bambino di 3 anni soffre spesso di laringite e molto spesso tutto sfocia in bronchite e polmonite. Come evitare tali conseguenze?

Vladimir Bobrovnichy: Prima di tutto, devi affrontare la causa dei casi ricorrenti di laringite. Per fare questo, consigliamo di chiedere il parere di un allergologo, otorinolaringoiatra e pneumologo. Il motivo identificato consentirà lo sviluppo di tattiche di prevenzione.

- Mia figlia si ammalò per la prima volta di bronchite ostruttiva a 4 mesi, ci furono 6 episodi in un anno. Ora ha 1,4 anni, è a rischio di asma e siamo in cura da un allergologo. Una volta si ammalarono ancora. Come si può evitare una seconda malattia? Qual è la profilassi? Possiamo ora dire che questo è vero asma? Su quali basi può essere fatta una diagnosi? Dove possiamo contattare per un consiglio?

Vladimir Bobrovnichy: Considerando la situazione da te descritta, è necessaria la consultazione di un pneumologo.

- Prima di acquistare un inalatore, ho studiato Internet e molte persone scrivono delle dimensioni delle gocce nella nuvola che fuoriesce dall'inalatore. Scrivono che è importante scegliere con una dimensione inferiore a 5, perché quelli grandi si depositano troppo presto e non raggiungono i bronchi. È così? Perché in farmacia ho visto inalatori con un valore superiore a 9 - un tale inalatore curerà la malattia?

Elena Davidovskaya, Vladimir Bobrovnichy: A giudicare dalla domanda, stiamo parlando di nebulizzatori, inalatori che trasformano soluzioni medicinali in aerosol. In questa forma, il farmaco viene facilmente inalato, entrando nelle parti giuste del tratto respiratorio. La dimensione delle particelle formate dal nebulizzatore è di fondamentale importanza. Le particelle con un diametro di 8-10 micrometri si depositano nel rinofaringe, nella cavità orale e nella trachea, con un diametro da 5 a 8 micrometri nella trachea, da 3 a 5 micrometri nei bronchi, meno di 3 micrometri nelle piccole vie aeree. Pertanto, la scelta di un nebulizzatore per la terapia con aerosol è determinata dalla localizzazione della malattia e dalla dimensione della massa delle particelle di aerosol generate.

- Mio figlio, dopo aver iniziato ad andare all'asilo, ha iniziato frequenti raffreddori. Il medico ha raccomandato di acquistare un inalatore. La farmacia ha una vasta scelta da molto grande a molto piccola. Cosa raccomandano gli esperti? Quali nuove tecnologie ci sono in questo settore? È possibile utilizzare piccoli manuali?

Elena Davidovskaya, Vladimir Bobrovnichy: Le dimensioni del nebulizzatore (inalatore) in sé non contano. Le dimensioni delle particelle, la potenza e la produttività del dispositivo sono importanti. Inoltre, la scelta di un nebulizzatore è determinata dai compiti della terapia stessa, dalle condizioni e dall'età del paziente. Tra le nuove tecnologie, si possono notare inalatori MES (membrana). Sono piccoli di per sé, sono convenienti da portare con te. Per caratteristiche tecniche, tali nebulizzatori soddisfano tutti i requisiti.

Se la polmonite è virale, gli antibiotici sono inutili?

- È vero che se avesse avuto la polmonite una volta, le ricadute sarebbero inevitabili? La prevenzione è possibile per non riavere la polmonite??

Elena Davidovskaya, Vladimir Bobrovnichy: Non è vero. Come abbiamo notato in precedenza, la polmonite è una malattia acuta, che nella maggior parte dei casi, con un decorso favorevole, termina con una guarigione completa.

- Ho 38 anni. Negli ultimi tre anni ogni inverno ho la polmonite. Sono curato negli ospedali. Qual è il pericolo di una polmonite così frequente e periodica? Conducono a qualsiasi cambiamento nei polmoni??

Elena Davidovskaya: la polmonite semplice non porta alla formazione di cambiamenti nei polmoni. I processi infettivi ripetuti sono un'occasione per valutare l'ambiente, il luogo in cui vivi e lavori. Inoltre, è necessario sottoporsi a un esame aggiuntivo da un pneumologo.

- Per quali sintomi dovrei consultare un medico in modo che non ci siano complicazioni con la polmonite?

Elena Davidovskaya, Vladimir Bobrovnichy: se hai segni di una malattia respiratoria acuta, dovresti consultare un medico.

- Ho letto che la polmonite può essere di origine fungina. Se un bambino (16 anni) nella cavità orale ha mostrato una piccola concentrazione di candida 10 * 3 a causa di uno striscio, è questo un fattore di rischio per la polmonite? L'analisi ripetuta di questi funghi non ha rivelato, ma è stato trovato stafilocuss aureus 10 * 4. Questa quantità è pericolosa in termini di polmonite? Devo prendere antibiotici per liberarmene e prevenire la polmonite?

Vladimir Bobrovnichy: il rischio di sviluppare polmonite fungina è elevato nei pazienti in terapia immunosoppressiva, infetti da HIV e immunodeficienza. Se un bambino ha una piccola concentrazione di candida negli strisci, questo non è un fattore nello sviluppo della polmonite. Non pericoloso e il numero di stafilococchi aurei rilevati. Non è necessario assumere antibiotici anti-stafilococcici per prevenire la polmonite.

- In relazione alla situazione con il nuovo coronavirus cinese della polmonite, sono stato sorpreso di apprendere che, a quanto pare, la polmonite può essere causata da virus e non solo da batteri. Si scopre, se la polmonite è virale, gli antibiotici sono inutili? I nostri medici determinano la natura della polmonite? Se è virale, come viene trattato - senza antibiotici?

Elena Davidovskaya, Vladimir Bobrovnichy: In effetti, la malattia può essere di natura virale. Nel caso della polmonite virale, gli antibiotici sono inefficaci. Tuttavia, le infezioni virali sono una specie di conduttore di infezione batterica. Pertanto, nella pratica clinica, siamo di fronte a polmonite di natura virale-batterica. La causa della polmonite viene determinata durante uno studio di laboratorio, sia virale che batterico. Nel caso della natura virale della polmonite (ad esempio, dovuta al virus dell'influenza), esiste un trattamento anti-influenza specifico con farmaci del gruppo inibitore della neuraminidasi - oseltamivir, zanamivir. Quando viene attaccata un'infezione batterica, viene prescritta una terapia antibiotica tenendo conto della situazione clinica.

"Come ripristinare i polmoni dopo 20 anni di fumo"

- Mia mamma ha 81 anni. Volevo vaccinarla contro i pneumococchi, ho telefonato a centri medici privati ​​- non esiste un vaccino. Ma la mamma è a rischio. Dove può essere vaccinata??

Elena Davidovskaya: A tua madre è davvero dimostrata la vaccinazione con il vaccino pneumococcico. Dovresti scoprire la possibilità di vaccinazione nella clinica nel luogo di residenza.

- Mia nonna e mia madre avevano l'asma. Nel 2011 le è stata diagnosticata anche me. Attualmente, l'esacerbazione si verifica ogni anno all'inizio della primavera. In altri periodi, l'espettorato è una preoccupazione, che si accumula periodicamente. Un allarme separato negli ultimi 1,5 anni è causato dalla tosse. La gola non fa male.

Elena Davidovskaya, Vladimir Bobrovnichy: Non ci sono abbastanza informazioni nella tua domanda. Non è chiaro se si sta assumendo uno qualsiasi dei farmaci per il trattamento di base dell'asma bronchiale. Dati i sintomi clinici, si consiglia di contattare un allergologo o un pneumologo per discutere e correggere il piano di trattamento..

- Come ripristinare i polmoni dopo 20 anni di fumo? Su di me: una donna di 40 anni, non fumo ora, non sono malato di bronchite da molto tempo, la polmonite aveva 17 anni, i miei test sono normali. Voglio liberarmi dell'espettorato. Hai bisogno di vedere un otorinolaringoiatra? Qual è il colore dell'espettorato nei limiti normali e a quale necessità di suonare l'allarme?

Elena Davidovskaya, Vladimir Bobrovnichy: Hai già fatto il primo, più importante passo per ripristinare la salute polmonare. Rinunciare alla cattiva abitudine una volta per tutte. Dopo aver smesso di fumare, la funzione "purificante" dei bronchi inizia a riprendersi e per qualche tempo la tosse e la secrezione di espettorato biancastro o giallo pallido persistono. La durata di questo periodo è individuale. Un cambiamento nel colore dell'espettorato in giallo intenso o giallo-verde con un aumento della sua quantità può indicare una esacerbazione della bronchite che si è sviluppata durante il fumo. In tali casi, è necessario consultare un medico.

Infezione: bere o meno antibiotici per influenza, raffreddore, SARS

Le infezioni virali respiratorie acute (ARVI) sono una delle diagnosi più comuni che i medici fanno con adulti e bambini con l'inizio della stagione fredda. Non offrono alcun trattamento speciale, prescrivendo principalmente una terapia sintomatica. Di solito si tratta di antipiretici e medicinali che combattono con naso che cola e tosse. Spesso le persone che stanno cercando di accelerare il processo di guarigione o che ritengono che tale terapia non sia la più efficace, adeguano autonomamente il regime di trattamento. Forse l '"aggiustamento" più comune è prescrivere antibiotici a se stessi. Bere o non assumere antibiotici per influenza, raffreddore, SARS? Dice Elena Kachanko - dottore in malattie infettive, candidato in scienze mediche, capo del dipartimento infettivo ed epidemiologico del centro medico dell'Ufficio del Presidente della Repubblica di Bielorussia.

Antibiotici per ARVI per adulti e bambini. Cosa, come accettare, caratteristiche. Stabilire la diagnosi


La funzione principale degli antibiotici è eliminare il microrganismo patogeno e fermare lo sviluppo dell'infezione. Tuttavia, il loro uso profilattico per eliminare possibili conseguenze dopo Orvi può causare spiacevoli conseguenze. Come, quando e in quali casi puoi assumere antibiotici per Orvi, per i bambini, per gli adulti, cosa puoi bere e in quali condizioni, lo diremo in questo articolo di recensione.

Quali test aiutano a identificare la necessità dell'uso di antibiotici in Orvi?

Qualsiasi malattia respiratoria si manifesta con una serie di sintomi caratteristici in un paziente, con l'aiuto del quale si può determinare che una persona ha un'infezione virale. Per chiarire la diagnosi, il medico nomina il paziente a sottoporsi a un esame del sangue generale per identificare l'agente patogeno e l'urina per escludere la presenza di un'infezione dell'uretere.

Un esame del sangue con Orvi mostrerà:

  • normale concentrazione di globuli rossi;
  • diminuzione della conta dei globuli bianchi;
  • declino dei neutrofili;
  • scomparsa di zosinofili;
  • aumento significativo di linfociti e monociti.

Supponi di avere la febbre con Orvi per 5 giorni, la tua condizione peggiora e la tosse è passata a uno stadio più grave. Non affrettarti! Fai un esame del sangue CITO (che significa veloce), attendi qualche ora in più. I risultati mostreranno se il farmaco è davvero necessario o è solo un decorso così grave del virus.

Cosa cercare te stesso?

Orvi è una malattia trasmessa attraverso gli organi respiratori superiori da una persona all'altra. Quasi tutti i sintomi della malattia li riguardano. L'infezione da un'infezione virale si verifica inosservata ed è difficile determinare la data esatta di raccolta del parassita. In primo luogo, si osservano letargia, affaticamento, arrossamento degli occhi. I bambini tendono a piangere e ad essere capricciosi durante la malattia di Orvi. Questi sono segni di intossicazione del corpo con un'infezione virale, manifestata anche da una violazione del ritmo cardiaco e mancanza di respiro.

Altre manifestazioni di Orvi includono:

  • aumento della temperatura con un valore massimo di 38,5 gradi;
  • brividi;
  • naso che cola con scarico chiaro e fluido dal naso;
  • gola infiammata;
  • rinofaringe gonfia;
  • starnuti frequenti
  • tosse secca lacerante;
  • mal di testa acuto;
  • dolore agli occhi e lacrimazione.

Quali antibiotici possono essere risolti con Orvi dopo la diagnosi di una complicazione batterica. Prima di ciò, non puoi decidere da solo.

Sono necessari antibiotici e possibili con Orvi?

Non è consigliabile assumere antibiotici per l'influenza e Orvi al fine di prevenire la malattia. Questo gruppo di farmaci non previene le complicanze batteriche e, se assunto durante una malattia virale, aumenta la probabilità di complicanze batteriche. Il corpo, tra le altre cose, sviluppa resistenza agli antibiotici assunti e successivamente ci saranno difficoltà nel trattamento delle malattie batteriche. Gli antimicrobici devono essere assunti solo come indicato dal medico..

Quando iniziare a bere antibiotici con Orvi?

Le infezioni respiratorie non complicate vengono trattate senza l'uso della terapia antibatterica (rinite non controllata, rinofaringite, tonsillite virale, congiuntivite, bronchite lieve, tracheite, laringite). Quindi, quali antibiotici prendere con Orvi?

Uno dei seguenti fattori ti consente di passare ad essi:

  • La temperatura corporea di 38 gradi non si è abbassata per 3 giorni in un bambino molto piccolo;
  • deterioramento della salute dopo la scomparsa dei principali sintomi della malattia;
  • gonfiore dei linfonodi sottomandibolari, come segno di tonsillite o difterite;
  • scarico di pus dai passaggi nasali per più di 10 giorni, mal di testa dolorante della parte frontale e seni nasali sul viso, come segno di sinusite;
  • dolore nel tiro nell'orecchio e rilascio di liquido da esso, che indica un'otite media acuta moderata;
  • tosse secca per più di 10 giorni, come con la pertosse;
  • la presenza di placca sulle ghiandole, che presagisce scarlattina, mononucleosi infettiva, tonsillite da streptococco;
  • complicanze con la formazione di pus, manifestata da sinusite, linfoadenite, ascesso paratonsillare, laringotracheite discendente;
  • grave perdita di peso, rachitismo, malformazione in un bambino di età inferiore ai 6 mesi;
  • immunodeficienza di un bambino con processi infiammatori costanti, raffreddori, febbre fino a 37,5 gradi, frequenti bolle, eruzione cutanea, malattie fungine, diarrea, malattie autoimmuni e oncologiche, presenza di HIV, difetti congeniti del sistema immunitario;
  • lo sviluppo della polmonite anche atipico.

Quando puoi fare a meno degli antibiotici e quando - non puoi?

La comparsa di mal di gola non è sufficiente per l'assunzione di antibiotici. La diagnosi dovrebbe suonare così: tonsillite. Tuttavia, questo non è un motivo per la selezione indipendente di farmaci..

Gli antibiotici non possono curare il naso che cola e il raffreddore. L'influenza, Orvi, inoltre, non può essere eliminata con farmaci antibatterici. Queste sono infezioni virali contro le quali l'antibiotico è impotente. Non riduce la temperatura, l'infiammazione, il naso che cola e la tosse, può solo fornire la comparsa di sintomi collaterali con assunzione incontrollata. Ci sono state molte situazioni in cui un paziente o un paziente con Orvi ha bevuto un antibiotico, non facendo in modo che la malattia "si trasformasse" in batterica. Di conseguenza, un'infezione ancora più complicata, diverse dosi di farmaci più gravi, una condizione grave e una via d'uscita difficile. Pertanto, non usare mai antibiotici senza prescrizione medica e risultati dei test.!

Assicurati che gli antibiotici siano davvero necessari!

I gravi problemi di salute che possono essere potenzialmente letali possono essere trattati solo con antibiotici. Queste sono malattie del tratto respiratorio superiore e degli organi ENT di natura purulenta: tonsillite, laringite, bronchite, polmonite, otite media.

Anche le infiammazioni infettive concentrate in uno spazio limitato sono soggette a trattamento antibiotico. Se ottieni sinusite, osteomielite, ascesso o flemmone, le ricette di trattamento alternative, i farmaci antivirali e gli immunomodulatori non aiuteranno qui.

Gli interventi post-operatori sono costretti a utilizzare per un ulteriore trattamento con antibiotici. Questo è un potente strumento preventivo per la comparsa di infezioni indesiderate. La terribile minaccia alla salute umana e alla vita che può sorgere in uno qualsiasi degli organi e richiede una lotta radicale contro di essa può essere eliminata con la terapia antibiotica..

Quali antibiotici da bere con Orvi - solo un medico decide!

Non rifiutare gli antibiotici prescritti dal medico, perché così facendo potresti farti del male. Il miglioramento della salute a breve termine durante una malattia grave è un falso segno. Non interrompere il corso di ammissione in ogni caso. Possono comparire gravi complicazioni: la tonsillite, se non trattata correttamente, causerà malattie cardiache e renali; la polmonite e la sinusite si svilupperanno in una forma cronica.

Sulle conseguenze dell'assunzione di AB. Questo deve essere immaginato.

Quali antibiotici posso usare con Orvi??

A seconda del meccanismo d'azione, esistono 2 tipi di antibiotici: battericida e batteriostatica. I batteriicidi inibiscono la crescita dei batteri, inibendo i centri attivi dei microrganismi. Conducono alla morte delle cellule parassitarie. Tali azioni sono caratteristiche di cefalosporine, aminoglicosidi, polimixine, gramicidine, rifampicine, ristomicina, gruppi di penicillina, streptomicina.

Gli antibiotici batteriostatici hanno un effetto di arresto sulla crescita delle colonie batteriche. Inibiscono la rapida moltiplicazione dei microbi. Il corpo stesso distrugge questi nemici grazie ai globuli bianchi dei globuli bianchi, che fanno parte del sistema immunitario umano. Tali proprietà in eritromicina, tetraciclina, cloramfenicolo, macrolidi, lincomicina.

Esistono antibiotici con uno spettro di influenza ampio e ristretto. Nel primo caso, l'agente patogeno non è stato identificato e il farmaco ha un effetto distruttivo su tutti i microrganismi dannosi. Puoi usare ampicillina, cefalosporine, aminoglicosidi, tetraciclina, cloramfenicolo, macrolidi, carbapenemi.

I farmaci a spettro ristretto influenzano un certo tipo di batteri. Può essere stafilococco, streptococco, che muoiono a causa di penicillina, cefalosporina I-II di generazione, lincomicina, fusidina, vancomicina. E. coli viene distrutto da cefalosporine di terza generazione, aminoglicosidi, aztreonamia, polimixine. La tubercolosi è trattata con streptomicina, rifampicina, florimicina. I funghi di varia origine sono trattati con nistatina, levorina, amfortericina B, bathrafen.

Gli antibiotici hanno la caratteristica di "accumularsi" in quegli organi per il trattamento a cui sono destinati. L'actinomicina colpisce i tumori. L'azitromicina è concentrata nei polmoni, quindi è efficace nella loro infiammazione. La lincomicina si accumula nelle ossa.

Esistono 4 generazioni di antibiotici: quella successiva è caratterizzata da un cerchio più ampio di circonferenza negativa dell'effetto batterico e da un lieve effetto sul corpo umano rispetto alla generazione precedente. Quali antibiotici prendere con influenza e Orvi - decide il medico.

Anche i farmaci antimicrobici sono classificati per origine. Quelle di B-lattame includono:

  • gruppo di penicillina (prodotto naturale), il principio attivo è benzilpenicillina, fenossimetil-penicillina, ossacillina, cloxacillina, fluxloxacillina, amdinocillina, acidocillina, amoxicillina, ampicillina, povampicillina, carbenillina, azlocilina;
  • un numero di cefalosporine con sostanze attive - cefaloridina, cefazolina, cefamandol, cefuroxima, cefotaxime, ceftazidime, cefpirome, cefepime.

I macrolidi sono antibiotici di origine chimica complessa. Elementi attivi - eritromicina, oleandomicina, spiramicina, roxitromicina, claritromicina, azitromicina.

I batteri del tratto respiratorio e gli organi urinari vengono uccisi dalle tetracicline. Rappresentata da Tetraciclina, Ossitetraciclina, Clortetraciclina, Metaciclina, Doxiciclina, Minociclina, Morfociclina.

Gli aminoglicosidi trattano malattie batteriche complesse, peritonite. Rappresentanti del gruppo - Streptomicina, Monomicina, Kanamicina, Gentamicina, Tobramicina, Sisomicina, Amikacina, Netilmicina, Isepamicina.

I fluorochinoloni bloccano lo sviluppo dei batteri. I farmaci del gruppo sono rappresentati da Norfloxacin, Ciprofloxacin, Enoxacin, Ofloxacin.

I sulfamidi bloccano lo sviluppo batterico. Co-trimoxazole, Trimethoprim - farmaci di gruppo.

I lincosamidi inibiscono la crescita dei batteri. Il gruppo rappresentato da lincomicina e clindamicina.

Gli imidazoli inibiscono la sintesi proteica dei parassiti. Metronidazole - il principale ingrediente attivo.

I peptidi inibiscono la sintesi proteica batterica. Bacitracin - principio attivo.

Metodi di ricezione

Gli antibiotici dopo Orvi o durante la malattia vengono assunti per via orale (per via orale), se presentati in compresse, capsule, gocce, sciroppi. Esistono farmaci scarsamente assorbiti dallo stomaco: penicilline, aminoglicosidi, carbapine. L'effetto di questi non è rapido. La maggior parte degli antibiotici vengono iniettati - per via intramuscolare, endovenosa, nel canale spinale. Tale trattamento è più appropriato e adatto a pazienti gravemente malati..

Elenco di antibiotici per Orvi per adulti e in quali casi cosa dare

Di norma, con complicanze batteriche, il medico prescrive antibiotici efficaci per Orvi negli adulti del gruppo di penicilline rappresentate da farmaci: ampicillina, augmentina, amoxicillina, amoxiclav, flemoxin solutab, amosina, ecobol, benzicillina, bicillina. Questi sono farmaci efficaci per le complicazioni del raffreddore e dell'influenza, c'è la minaccia di una reazione allergica al farmaco.

Con una malattia batterica del tratto respiratorio superiore, vengono prescritti potenti antibiotici del gruppo macrolidico. Questi sono farmaci Sumamed, Azithromycin, Azivoc, Sumazid Azitral, Sumamed forte, Sumametsin, Hemomycin, Zitrocin, ZI-Factor, Azithromycin monohydrate, Azithromycin dihydrate, Azitroks, Azitsid, Klabaks. L'ultimo di questi ha le proprietà di sostenere il sistema immunitario e impedisce la crescita dei batteri attraverso il sangue. Cura un freddo prolungato, favorisce una facile espettorazione.

Uno dei gruppi più famosi di antibiotici usati nel trattamento delle malattie batteriche sono le cefalosporine. I raffreddori sono spesso trattati con cefepime..

I fluorochinoloni uccidono pneumococchi e altri agenti patogeni respiratori. Si deve prestare attenzione agli anziani. Rappresentata dai farmaci: sparfloxacina, moxifloxacina, levofloxacina.

Elenco di antibiotici per bambini e in quali casi quali somministrare

Gli antibiotici sono ammessi per i neonati con bronchite e polmonite: Flemoxin Solutab, Augmentin, Amoxicillin. Le malattie ORL sono trattate: Cefuroxime axetil, Zinacef, Zinnat aksetin.

L'angina e l'otite media nei bambini devono essere trattate con un gruppo di farmaci penicillina. Uccide gli streptococchi. Augmentin, Ampicillin lo farà. Questi farmaci non sono tossici, quindi sono popolari in pediatria.

La bronchite e la polmonite dei bambini cureranno le cefalosporine. Con particolare attenzione, ai bambini vengono prescritti farmaci di gruppo III e IV - hanno gravi controindicazioni (Ceftriaxone).

I fluorochinoli sono gli antibiotici più atossici, pertanto sono ampiamente utilizzati nel trattamento pediatrico. Tavanic, Tsifran, Tsipraletom possono uccidere E. coli, clamidia.

È vietato prescrivere i seguenti antibiotici per Orvi nei bambini: levomicetina, tetraciclina, monociclina, doxiciclina, aminoglicoside e farmaci con il finale - ofloxacina. Questi farmaci hanno un effetto devastante sullo smalto dei denti di un bambino..

Antibiotici per donne in gravidanza

Alle donne "in posizione" con Orvi possono essere somministrati antibiotici solo per indicazioni gravi ed esclusivamente come indicato da un medico. Al fine di non danneggiare lo sviluppo del feto, se necessario, il medico prescrive risparmiando antimicrobici alle donne in gravidanza. Queste sono penicillina, cefalosporine e macrolidi.

Gli antibiotici del gruppo della penicillina sono in grado di penetrare nella placenta, ma non danneggiano il bambino. Tuttavia, sono possibili reazioni allergiche. Preparazioni: Ampicillina, Amoxicillina, Oxacillina, Amoxiclav, Flemoklav.

Un gruppo di cefalosporine viene assunto dalle donne indipendentemente dall'età gestazionale. Penetrano nella placenta a piccole dosi, ma non hanno un effetto negativo sul feto. Hanno uno spettro più ampio di influenza sui microbi rispetto al precedente gruppo di antibiotici, quindi sono prescritti più spesso. Trattare in gravidanza: cefazolina, ceftriaxone, cefalossina, cefuroxima, cefotaxime, cefepim, ceftazidima.

I macrolidi includono eritrocinina, Josamicina e Spiramicina. La placenta non li ritarda, ma non danneggiano lo sviluppo intrauterino.

Gli antibiotici con i loro derivati: azitromicina, metrodinazolo, gentamicina per le donne in gravidanza possono essere assunti solo sotto la supervisione di un medico come prescritto. I farmaci proibiti per le future mamme includono: tetraciclina, sulfanilamide, fluorochinolone, serie nitrofuran di antibiotici e cloramfenicolo.

Antibiotici ad ampio spettro per Orvi

Poiché l'etimologia delle malattie respiratorie è virale piuttosto che batterica, non è consigliabile trattare la malattia con agenti antimicrobici, ad es. Orvi è trattato senza antibiotici. Quando tutti i segni della malattia durano per più di 3 giorni, senza rispondere al trattamento in meglio, ma solo peggiorando, è necessario passare agli antibiotici ad ampio spettro, perché non è noto quale microbo con Orvi abbia complicato il decorso della malattia. Molto probabilmente la flora batterica si è stratificata su un'infezione virale.

Raccomandiamo di fare prima un esame del sangue generale.!

I farmaci più comuni nel trattamento di Orvi a lungo termine sono le serie di ampicillina e le cefalosporine, che vengono bevute solo come prescritto dal medico. La prima classe di antibiotici comprende Augmentin, Flemoxin solutab, Amoxiclav, la seconda - Zinnat, Cefodox, Cefix.

Esistono molti altri gruppi di antibiotici ad ampio spettro che non vengono prescritti così spesso con Orvi: serie di tetracicline; un gruppo di farmaci a base di levofloxacina, gatifloxacina, ciprofloxacina, ofloxacina; antibiotici con streptomicina; gruppo carbapenemico; macrolidi a base di azitromicina, eritromicina, midecamicina, claritromicina.

Il dosaggio e il regime del farmaco devono essere rigorosamente osservati e tutto dovrebbe essere fatto come prescritto dal medico. Quali antibiotici assumere per adulti o bambini con Orvi, il rifiuto indipendente dei farmaci o il loro errato apporto comporta un aumento dell'effetto negativo dei batteri, della loro vitalità e della mancata risposta agli antibiotici. Con Orvi negli adulti, l'elenco dei farmaci sarà piuttosto ampio.

Come vengono presi gli antibiotici con Orvi. Schema generale

Un farmaco antimicrobico è prescritto in base alla sua sufficiente concentrazione nel corpo del paziente per uccidere il batterio:

  • una singola dose di farmaco deve corrispondere al peso, all'età e al grado di abbandono della malattia nel paziente, per ridurla è controindicato;
  • è necessario assumere un antibiotico dopo un periodo di tempo uguale;
  • non dovresti fare pause o dovrai passare a un antibiotico più forte di un altro gruppo farmacologico;
  • è necessario mantenere il corso prescritto di assunzione del medicinale senza decisioni indipendenti.

Quanti giorni ci vorranno? Ciò che è irto di interruzione del corso o della sua ricezione errata?

La corretta aderenza al regime di dosaggio e la durata dell'assunzione di antibiotici è la chiave per una lotta affidabile contro i batteri nocivi. Piccole dosi e trattamenti con brevi cicli, interruzione della terapia, ripetizione frequente dello stesso farmaco portano alla comparsa di batteri resistenti a questo antibiotico.

Nel modo più rigoroso, devono essere osservati i principi di dosaggio e i tempi di assunzione dei farmaci. Il medico, in base alle specifiche della malattia, prescrive la quantità necessaria di un agente antibiotico in modo che si accumuli sufficientemente nel sito di localizzazione batterica per liberarsene. Pertanto, è estremamente pericoloso prendere l'iniziativa nel prendere questo tipo di medicina, è necessario aderire a tutte le raccomandazioni del medico.

Cosa puoi, cosa non puoi mangiare e bere?

Gli antibiotici dovrebbero essere assunti dopo i pasti, ad eccezione di alcuni alimenti, dopo un breve periodo di tempo. Queste sono linee guida generali..

Gli antibiotici (specialmente il gruppo tetraciclina) non possono essere lavati con il latte, consumati con prodotti lattiero-caseari, assunti immediatamente dopo o prima dell'uso. Ciò impedisce l'assorbimento dell'antibiotico nel sangue dallo stomaco e viola le sue proprietà curative. 3 ore prima di assumere un antimicrobico e 3 ore dopo aver mangiato latticini.

Le cefalosporine non devono essere consumate con l'alcol. Ciò provocherà mal di testa, vomito e significativamente l'effetto del farmaco..

Prendendo antibiotici per trattare una malattia batterica, devi sapere che bloccano l'effetto delle pillole anticoncezionali. Durante il trattamento, una gravidanza indesiderata deve essere protetta con un preservativo..

Come mangiare?

Inoltre, gli antibiotici per l'influenza e Orvi per i bambini sono un duro colpo non solo per l'immunità, ma per tutto il corpo nel suo complesso. È meglio limitare temporaneamente l'assunzione di cibi "pesanti", come la salinità, il fumo, l'ingrasso, nonché i dolci, i grassi, in particolare i grassi trans e altre cose dolci, spezie e cibi "pesanti". Limitare l'assunzione di lievito e cibi a base di carne. Cosa può essere:

  • latticini;
  • verdure bollite e fresche;
  • frutta;
  • brodi;
  • cereali cereali;
  • pesce bollito, pollo in piccole quantità.

E devi bere molto: il corpo deve sbarazzarsi di tossine e tossine, che si formano a seguito della vita dei microbi. Tè caldi con miele, bevande alla frutta, composte: il tuo miglior aiuto.

Ulteriori farmaci per mantenere il corpo

Secondo i medici professionisti: la disbiosi della malattia non esiste. Siamo tutti nati con un certo insieme di batteri nocivi e benefici nell'intestino, che sono influenzati dallo stile di vita, dal cibo e dall'ambiente.

Se una persona ha una malattia batterica che può essere curata solo con un antibiotico, in nessun caso dovresti rifiutare di assumere la medicina prescritta. I farmaci antimicrobici hanno molte controindicazioni che possono essere evitate mangiando cibi sani, non abusando di cibi grassi, non mangiando troppo, bevendo abbastanza acqua, non in luoghi affollati, rimanendo in un'area ventilata dove l'aria non è secca e si effettua una pulizia bagnata costante.

Il verificarsi di sintomi spiacevoli dopo una malattia batterica e l'adozione di un antibiotico per curarlo non indica il danno del medicinale stesso, ma le conseguenze dei batteri dannosi. L'azione sulla microflora intestinale di tutti i probiotici e pribiotici disponibili in vendita non è stata dimostrata dalla medicina ufficiale, quindi non ha senso prenderli. Nella fase dello stomaco, i batteri benefici disponibili in compresse e sospensioni vengono distrutti da un ambiente acido, che non possono superare, oltre a penetrare nell'intestino vivo.

Tuttavia, l'efficacia del "miglioramento dell'immunità dopo gli antibiotici" di kefir e prodotti lattiero-caseari non può essere contestata. Bevi kefir e yogurt con colture di base naturali per sostenere la microflora intestinale e fai attenzione alle nuove piaghe la prima volta. Sarà un eccellente aiuto post-antibiotico per il corpo..

Non dimenticare che il concetto di "il miglior antibiotico per Orvi" non esiste. In qualsiasi situazione, il medico seleziona il farmaco individualmente, ma semplicemente non esiste una medicina universale.